All’alba del 5G, l’Italia fa grandi passi in avanti (col 4G)

Giuseppe Tripodi

Opensignal, la celebre società di analisi specializzata nelle misurazioni delle reti mobili, ha pubblicato oggi il suo ultimo report relativo all’andamento delle connessioni mobili in tutto il mondo. Il report si basa su oltre 87,5 miliardi di misurazioni, eseguite su oltre 43 milioni di dispositivi diversi nel periodo che va dal 1 gennaio al 30 marzo 2020; inoltre, i dati di questo primo trimestre sono messi in comparazione con quelli del primo trimestre 2019.

È iniziata l’era del 5G e sempre più spesso ci concentreremo sulle connessioni di ultima generazione, ma passeranno ancora parecchi anni prima di dimenticarci completamente del 4G. A tal proposito, nel report di Opensignal ci si concentra proprio sulle connessioni in 4G: un dato interessante in merito è che solo due paesi europei rientrano nella top 10 globale per quel che riguarda la disponibilità delle reti 4G, ossia Paesi Bassi e Norvegia.

LEGGI ANCHE: Ad aprile lo smart working l’ha fatta da padrone: Zoom è l’app mobile più scaricata in assoluto

Rispettivamente al quarto e quinto posto, con una disponibilità di reti 4G che copre il 95,9% (Paesi Bassi) e 95,7% (Norvegia) delle connessioni.

L’Italia è vicina a raggiungere il 90% di disponibilità, ma per ora si ferma un po’ prima: nel primo trimestre del 2020, gli italiani connessi a reti 4G sono stati l’89,6%. Sebbene ancora lontani dai due campioni europei, si tratta di un grandissimo balzo in avanti rispetto al primo trimestre del 2019, quando solo il 79% aveva accesso a reti 4G. Questo porta l’Italia davanti a Francia, Germania e Regno Unito.

Anche in termini di velocità di connessione, il nostro Bel Paese ha fatto un salto in avanti del 22% rispetto allo scorso anno: in questo primo trimestre del 2020, pur fermandoci in 22esima posizione, la velocità media di connessione è un dignitoso 24,3 Mbps.

Grandi passi in avanti per gli italiani anche per quel che riguarda l’esperienza d’uso con i video in streaming: la valutazione attribuita da Opensignal è passata da 64,1 (Q1 2019) a 70,4 (Q1 2020), portando l’Italia tra i paesi Very Good per quel che riguarda la fruizione di video e superando Francia e USA.

Tra gli altri dati interessanti forniti dal report, segnaliamo che Corea del Sud, Giappone e Norvegia sono i tre sul podio in termini di velocità delle reti e che tra i paesi che hanno avuto un netto aumento di velocità di download nell’ultimo anno, insieme a Canada e Giappone, c’è anche l’Italia e altri paesi europei.

Per saperne di più su come sono cambiete le reti mobili nell’ultimo anno, vi rimandiamo al report completo di Opensignal.