La rivalsa delle app per iPad: con la pandemia salgono vertiginosamente i download e le cifre spese (foto)

Giovanni Bortolan

Gli effetti della pandemia e del lockdown sono principalmente negativi, ma c’è un particolare aspetto che sembra averne giovato particolarmente, le app per iPad. Ebbene, per la prima volta dal lontano 2013 (periodo del boom di diffusione di questo tipo di dispositivi) i dati relativi ai download totali di app dedicate è salito vertiginosamente.

Come visibile dal grafico in galleria, il primo trimestre del 2020 ha visto una crescita totale piuttosto significativa, al pari di quella avvenuta nel terzo trimestre del 2016. Ancor più significativo è stato l’aumento del 52% da un trimestre all’altro rispetto all’ultima porzione del 2019, quando il numero totale di download ha sfiorato i 735 milioni a livello globale. Questo ha inevitabilmente influito anche sulle cifre spese dagli utenti. Il Q1 2020 ha infatti visto un esborso totale da parte degli utenti di circa 2,1 miliardi di dollari, spesi principalmente per i giochi.

Sono cresciute anche le installazioni mensili che hanno raggiunto il livello più alto mai registrato da qui al febbraio del 2015, a fronte di una cifra di quasi 438 milioni (aumento Y/Y del 72% e crescita mese per mese del 21%). Uno dei grandi protagonisti di questa crescita è il mercato cinese, responsabile del maggior numero di download avvenuti nel solo mese di marzo (151 milioni). Seguono a ruota gli Stati Uniti con più di 100 milioni (+47% rispetto a marzo dell’anno scorso).

LEGGI ANCHE: Tablet: Apple perde metà del vantaggio che aveva accumulato su Samsung lo scorso anno

Per quanto riguarda le categorie regna ovviamente sovrana quella dei Giochi e dell’Intrattenimento, ma non sfigura la categoria di app educative, che tagliano il traguardo dei 105 milioni di installazioni in un trimestre, infrangento il proprio precedente record di 91 milioni; questa è dopotutto una dimostrazione lampante di come una situazione estremamente complessa come quella odierna possa portare a numerosi cambiamenti di abitudini e di sistemi piuttosto statici come quelli relativi all’educazione/istruzione.

Fonte: Sensor Tower