Tutti pazzi per BOE: anche Samsung ed Apple stanno pensando alla società cinese per gli schermi OLED

Enrico Paccusse Un modo per risparmiare sui componenti, ma c'è il rischio che si riveli controproducente

Ormai da diversi anni il mercato di fornitori degli schermi OLED, sempre più comuni negli smartphone, è dominato da tre grandi player: Samsung, LG e BOE – con quest’ultimo che è probabilmente il meno conosciuto ma anche il più arrembante.

BOE sta per Beijing Oriental Electronics e rappresenta appunto una società cinese molto conosciuta nel settore e già market leader nel settore LCD. Negli ultimi mesi però sono sempre più insistenti le voci che la vogliono presente sui futuri top di gamma OLED.

LEGGI ANCHE: 10 giochi gratis per Android ed iOS

Tra questi partner il più di rilievo è Apple, che sembrerebbe aver optato per BOE come fornitore di schermi OLED per i prossimi iPhone 12 al posto di Samsung, attuale fornitore. Un altro, decisamente più sorprendente, è proprio Samsung, che pur essendo produttore di schermi parrebbe intenzionato a rivolgersi a BOE per alcuni dei suoi smartphone (Galaxy S21, Galaxy A91).

Una strategia che sembra abbia il fine ultimo di far risparmiare le aziende sul costo di produzione, così da potersi permettere costi più bassi (o margini più alti, a seconda del punto di vista). C’è però chi ci tiene a ricordare che proprio BOE ha realizzato in passato schermi non proprio entusiasmanti, come evidenziato dall’utente qui sotto.

Via: PhoneArena, AndroidNext, Twitter
  • alessandro

    Spero stiano scherzano. Se c’è un punto a favore dei Samsung è proprio la qualità dello schermo OLED…

  • Tungstein

    Secondo me Samsung utilizzerà questi pannelli per i budget phone, non penso non adotti la sua tecnologia sui top di gamma, anche perché potrebbe essere un vantaggio competitivo rispetto agli altri che adotteranno schermi di BOE.
    Immagino qualche evoluzione dei Dynamic Amoled che continuino nella direzione di aumentare la luminosità e di diminuire le emissioni si luci blu che sono nocive per gli occhi (e come da notizie recenti anche per la pelle).
    Sarà una scelta per differenziare maggiormente l’offerta.
    Se Apple scegliesse BOE sarebbe plausibile, visto che non produce da sé nessun componente, ma si affida a specifici OEM in base alle esigenze. Certo non ne gioverebbe la qualità. Sarebbe utile se scegliessero BOE per la linea non Pro degli iPhone 12, o anche per il piccolino SE, che potrebbe essere rinnovato ancora. Vedremo.

  • Mariux Revolutions

    Ok, grave calo qualitativo dei display in arrivo per Samsung ed Apple

  • Ekifi

    Non credo nessuno si abbasserà a quel livello, a meno che BOE non abbia fatto progressi significativi. In qualsiasi caso non vedo perché Samsung dovrebbe giocarsi la sua posizione dominante come produttore, e soprattutto montare pannelli del genere sui propri top di gamma. Notizia abbastanza odorosa.