Peggio della crisi 2008/09: il mercato europeo degli smartphone potrebbe dimezzarsi, secondo IDC (foto)

Enrico Paccusse - Italia e Spagna tra i paesi con più difficoltà

É drammatica la situazione che emerge dall’ultima ricerca effettuata da IDC, nota società attiva nell’analisi dei dati e delle statistiche in ambito tecnologico: nel 2020 il mercato degli smartphone a livello europeo potrebbe perdere un quarto del suo valore (-26,8%), rispetto allo scorso anno.

E questo se dovesse andare tutto come previsto. C’è talmente tanta incertezza ora come ora che IDC ha anche proposto due ulteriori previsioni: una ottimistica ed una pessimistica. Ebbene, si parte da un minimo del -10%, nel migliore dei casi, e si arriva ad un perentorio -47,1% nell’ipotesi peggiore.

LEGGI ANCHE: 10 giochi gratis Android ed iOS per allietare la vostra quarantena

Un tonfo che fa impallidire persino quello avvenuto durante la grande crisi finanziaria del 2008/2009, quando il livello più basso era stato raggiunto nel 2009 con un -13,1%. Di fatto, andare oltre questa cifra vorrebbe dire stabilire un nuovo record in negativo nell’archivio ventennale di IDC.

In Europa, l’impatto maggiore sarà per i paesi più colpiti dalla crisi sanitaria, come la Spagna e l’Italia, ma anche nelle altre nazioni assisteremo ad un calo sostanzioso, quantificabile in circa un quarto delle spedizioni” – ha commentato Marta Pinto, program manager per IDC EMEA – “Ora che i problemi di offerta sono risolti [dopo che la Cina è riemersa dal lockdown], ne stanno emergendo altri legati alla mancanza di domanda“.

Aggiornamento

Abbiamo parlato della notizia anche nel nostro podcast, SmartWorld News

Ascolta “22/04 – Nuovi top di gamma Motorola, film One-Punch Man e crisi degli smartphone” su Spreaker.

Fonte: IDC