Vodafone promette zero rimodulazioni per tutti i clienti consumer, a determinate condizioni

Giovanni Bortolan

Per incentivare l’addebito su carta di credito da parte dei propri clienti, Vodafone ha deciso di lanciare una nuova campagna promozionale che promette, nel caso descritto, di bloccare il prezzo mensile dell’offerta tariffaria per 2 anni. Tale iniziativa sta coinvolgendo nelle ultime ore molti clienti Vodafone consumer che si sono visti recapitare una notifica direttamente nell’app MyVodafone.

L’iniziativa, valida fino al 19 aprile è riservata ai clienti consumer con SIM ricaricabile standard, con un pacchetto dati attivo e che fino a quel momento hanno utilizzato la metodologia di pagamento dell’addebito su credito residuo. Come specificato nel testo del messaggio, Vodafone specifica che il prezzo dell’offerta corrente del cliente che attiva la promozione verrà bloccato per 24 mesi. Ciò significa, in poche parole, niente rimodulazioni.

LEGGI ANCHE: La casa di carta 4 è la serie più richiesta di sempre, secondo Parrot Analytics

Malgrado le offerte tariffarie dei gestori telefonici possano essere comunque soggette a modifiche unilaterali del contratto in corso di svolgimento (come previsto dall’articolo 70 del Codice delle Comunicazioni elettroniche), l’operatore si impegna a mantenere il canone dell’offerta principale invariato per la durata temporale indicata.

Fonte: MondoMobileWeb
  • Kamille

    poi ti prelevano l’impossibile all’eventuale chiusura del contratto…

  • A parità di offerta e lasso di tempo (24 mesi):
    – Vodafone rimodulerà più volte chi paga con addebito su credito residuo rispetto a chi paga con carta di credito/conto corrente. In questo modo si creeranno “utenti di serie A” e “utenti di serie B” senza alcuna motivazione.

    – Vodafone rimodulerà allo stesso modo sia chi paga con addebito su credito residuo che chi paga con carta di credito/conto corrente. In questo modo Vodafone sta solo cercando di assicurarsi un “recupero crediti” nel caso l’utente cambi operatore o non paghi mensilmente l’offerta.

    Sarà interessante vedere cosa ne penseranno l’AGCOM ed il CORECOM, sopratutto nel caso di maggiori rimodulazioni per chi preferisce ricaricare la scheda telefonica.