No, non si tratta di fagioli di Balzar, ma dei prossimi Galaxy Buds di Samsung (foto)

Edoardo Carlo Ceretti

I nuovi Galaxy Buds+ sono appena atterrati sul mercato a fianco della serie di smartphone Galaxy S20 e noi li abbiamo già recensiti, sottolineando come Samsung sia stata in grado di migliorare il precedente modello sotto pressoché ogni aspetto, senza stravolgerne design ed ergonomia. Il colosso coreano però, potrebbe ritenere di aver ormai ricavato il meglio da quel form factor, tanto da essere pronta a saggiare nuove strade.

Sono infatti trapelati in rete i primi render relativi ad un possibile nuovo modello di Galaxy Buds, con numero di versione SM-R180 e un nome in codice del progetto mai così opportuno: Bean. Già, perché vi basterà una rapida occhiata alla nostra galleria per notare subito le analogie fra la forma di questi stravaganti dispositivi audio e quella dei fagioli – anche classici, non solo di Balzar!

LEGGI ANCHE: Soundcore Liberty 2 Pro, la recensione

Si tratta di auricolari true wireless davvero particolari, che andranno adagiati all’interno del condotto uditivo e che saranno chiamati a rimanere in posizione facendo leva sulla conformazione del padiglione auricolare. Proprio questo aspetto potrebbe però lasciarvi perplessi, dato che la forma degli orecchi di ciascun individuo è di per sé peculiare e questo form factor rischia di acuire il problema di adattamento che già molti modelli di auricolari più tradizionali presentano – anche le AirPods di Apple.

Un altro dettaglio molto importante da sottolineare è il cambio di filosofia che questi Galaxy Buds ‘Bean‘ comporterebbero, ovvero l’abbandono della forma in-ear. Ciò avrà la conseguenza di un minor isolamento acustico, a svantaggio della qualità percepita del suono (soprattutto in luoghi rumorosi), ma a vantaggio di una maggior sicurezza durante passeggiate in città o attività all’aperto – e, per alcuni, della comodità.

Al momento, non si conoscono dettagli tecnici relativi a questo nuovo modello di Galaxy Buds, né se e quando le vedremo sbarcare sul mercato. Nel caso Samsung decidesse di compiere questo ambizioso passo, l’ipotesi più accreditata è che il lancio possa avvenire in concomitanza con quello della serie di smartphone Galaxy Note 20, atteso per l’estate.

Fonte: Winfuture.de