La crisi si fa sentire anche nel settore smartphone: il calo di febbraio è spaventoso

Matteo Bottin Strategy Analytics segna un -38% rispetto lo scorso anno

Strategy Analytics, famosissima agenzia di analisi dati, ha appena pubblicato un report relativo alle spedizioni di smartphone di febbraio 2020. Si tratta, di fatto, del primo intero mese che ha visto pienamente l’inizio della crisi dovuta al Covid-19 e, per questo, un calo delle spedizioni era previsto. Tuttavia, questo numero è forse più alto delle nostre aspettative.

Se a febbraio 2019 nel mondo furono spediti 99,2 milioni di dispositivi, il mese scorso questo numero è sceso a 61,8 milioni. Si tratta di un calo del 38% rispetto l’anno precedente. È rilevante anche il calo rispetto a gennaio: -39%. Di quei pochi produttori che sono riusciti a vendere, la classifica vede in testa Samsung, seguito a ruota da Apple, Xiaomi, Huawei, Oppo e Vivo.

LEGGI ANCHE: WindTre: tutto quello che vorreste sapere sul nuovo operatore unico

Le cause sono presto dette: da una parte i produttori non sono stati in grado di spedire abbastanza smartphone (a causa della chiusura delle fabbriche), dall’altro i consumatori non se la sono sentita di recarsi nei negozi per comprare un nuovo telefono. Probabilmente lo stesso destino ci attenderà alla fine di marzo.

Via: Business WireFonte: Strategy Analytics
  • giosec1

    In realtà é un’ottima cosa, minor produzione=minor inquinamento, idem per le auto. C’è un continuo acquisto spropositato, se volete uno smartphone “nuovo” c’è sempre il mercato dell’usato, basta cercarlo di pochi mesi in garanzia.

    • Gabriele

      infatti, non tutti i mali vengono per nuocere, questa corsa immotivata a cambiare senza reali esigenze non andava affatto bene
      Speriamo si possa ripartire con più attenzione all’ambiente e non solo alla rincorsa dell’inutile unica crescita economica a discapito di tutto e di tutti

      • giosec1

        Il problema, alla base di tutto, che il nostro sistema si basa su questo. Più produci, più dai lavoro e più inquini. Se si riduce, si riducono anche i posti di lavoro. Bisogna cambiare mentalità, bisogna cambiare sistema o ci ritroveremo punto a capo.

      • Se poi facciamo fuori 3-4 Miliardi di persone presenti sulla faccia della Terra, sai che miglioramento e che decrescita felice?

      • L0RE15

        In teoria potrebbe anche esserci una base di verità da cui partire. Il problema è che passare in 6 mesi da quella situazione che era a una situazione nuova che è quasi l’opposto, crea un disastro biblico. Le cose van fatte per gradi in ambo le direzioni. Tanto più che il mondo non è già di natura allo stesso livello ma ci so o aree ricche, povere, istruite, non istruite, ecc. Andiamo dalle tribù in Amazzonia che vivono come primitivi a persone che hanno la possibilità di vivere con tutti gli agi che il massimo della modernità può offrire.

    • Aldo

      Peccato che il male in questo caso sia una pandemia. Personalmente non sono così ottimista da pensare che le persone cambieranno mentalità quando la situazione sarà migliore.

  • Tiwi

    ed è giusto cosi

  • PilloPallo

    La situazione non può che peggiorare visti i prezzi dei nuovi top di gamma 5g

  • roberto dinegri

    Perché allora Xiaomi che ora e terza non inizia ad aggiornare il suo top di gamma mi mix3 5g che e fermo con android 9 MIUI 10 e pach di sicurezza di gennaio? Farebbe una gran bella cosa invece di costruire altri prodotti che spero che nessuno gli acquisti per la serietà di questa ditta cinesr

  • ILCONDOTTIERO

    Se continua così a fine anno avremo un meno 70% se va bene.
    Adesso le cose di Vitali importanza sono altre .

  • canridgbuck

    Qui le ragazze conoscono i ragazzi e non viceversa – Luv︆oo︆︆.︆net
    peabfsd ajoitcsn nbdpppnoxdn qdalw