Ecco come potrebbero aver tracciato il vostro traffico dati a vostra insaputa (foto)

Vincenzo Ronca Secondo l'inchiesta di BuzzFeed News, Sensor Tower possiede almeno 20 app VPN e ad-blocker che tracciano il traffico degli utenti.

Sensor Tower è una delle più grandi piattaforme di analisi dati ed è stata tirata in ballo in una faccenda poco felice da una recente inchiesta di BuzzFeed News. Il fulcro di tutto è il tracciamento del traffico dati degli utenti con dispositivi mobili, senza il loro consenso.

Sensor Tower infatti sarebbe proprietaria di almeno 20 app che svolgono il ruolo di fornitori di Virtual Private Network e di ad-blocker, ovvero quelle app che offrono la navigazione web al riparo dagli annunci pubblicitari. Queste app sono presenti sia su Play Store che su App Store, non rivelano esplicitamente il loro legame con Sensor Tower e contano complessivamente almeno 35 milioni di download.

LEGGI ANCHE: Tribit QuietPlus, la recensione

Secondo BuzzFeed News le app, grazie alla concessione dell’accesso root al dispositivo sul quale vengono installate da parte dell’utente, hanno avuto accesso incontrollato a tutti i flussi di traffico dati relativi allo specifico smartphone. Sensor Tower ha replicato affermando che tutti i dati raccolti sono anonimi, nessun dato personale è incluso e la raccolta ha scopi esclusivamente di analisi statistiche.

BuzzFeed News ha indicato come diverse app, che hanno lo scopo di raccogliere informazioni sul traffico dati, sono collegate a Sensor Tower: tra queste troviamo Free and Unlimited VPN, Luna VPN, Mobile Data e Adblock Focus. Sensor Tower ha affermato di non aver rivelato prima il collegamento con questo tipo di app per ragioni di competizione industriale. È importante considerare che, per molte di queste app, è scattata la rimozione da parte di Google e Apple dai rispettivi store per ripetute violazioni delle norme sulla privacy.

BuzzFeed News ha inoltre verificato che gli sviluppatori di alcune delle app sopra citate indicano nei loro curriculum la collaborazione allo sviluppo di app che alimentano la piattaforma di analisi di Sensor Tower. Un altro sviluppatore iOS indica che lavora per progetti top secret.

In generale, ribadiamo che concedere l’accesso root a una specifica app espone il proprio dispositivo a notevoli rischi, soprattutto se non si conosce completamente la natura dell’app.