Anche OmniVision lancia il suo sensore da 64 MP. La corsa all’8K su smartphone è iniziata

Giovanni Bortolan

Il produttore di sensori fotografici OmniVision ha di recente presentato il suo nuovo sensore da 64 MP (il primo), chiamato OV64C. Si tratta di un sensore con superficie di 1/1,7″, pixel della dimensione di 0.8µm e rappresenta un diretto concorrente dei sensori Sony IMX686 (lo stesso presente a bordo di OPPO Find X2) e Samsung ISOCELL GW1.

Esattamente come i due sensori sopracitati, l’OV64C restituisce delle foto a 16 MP con pixel di 1.6µm grazie all’algoritmo di pixel binning che unisce quattro pixel in uno, restituendo una maggiore sensibilità alla luce in fase di scatto. Questo procedimento permette inoltre di mantenere la risoluzione originale 64 MP e di sfruttarla per effettuare ingrandimenti fino a 2X, mantenendo una qualità di 16 MP.

LEGGI ANCHE: Iniziate le riprese della seconda stagione di The Witcher

Proprio come il Sony IMX686, anche il sensore OmniVision integrerà il sistema di autofocus a rilevamento di fase di tipo 2 x 2 ML-PDAF, che dovrebbe garantire ottime prestazioni soprattutto in condizioni di scarsa luminosità. Per quanto riguarda la registrazione video, l’OV64C può riprendere video fino a 8K@30fps, o 4K@60fps e 4K@30fps con stabilizzazione dell’immagine abilitata. Non manca il supporto alla registrazione HDR con tripla esposizione.

Fonte: GSMarena