Metà degli italiani controllano lo smartphone come prima o ultima cosa del giorno

Enrico Paccusse L'ultimo rapporto Censis in tutta la sua franchezza

Lo scorso anno ha segnato un traguardo storico: il numero degli smartphone nelle case degli italiani ha per la prima volta superato quello delle automobili (43,6 vs 42,3 milioni).

A suggellare la tendenza arriva anche l’ultimo rapporto Censis, nel quale vengono rivelate abitudini significative: il 50,9% degli intervistati controlla il telefono come prima o ultima cosa del giorno; il 25,8% non esce di casa senza un caricabatterie al seguito.

LEGGI ANCHE: Offerte di Natale su Amazon

Due dati quantomeno singolari, che rivelano una crescente dipendenza da smartphone. Considerando che c’è già chi la definisce un vero e proprio problema psichiatrico, forse sarebbe il caso di cominciare a considerare delle precauzioni.

Via: Repubblica
  • mat.01

    mi annovero anche io, purtroppo

  • T. P.

    mi capita ma non è la regola…

  • kino90

    diciamo che è una scusa per rimanere a letto altri 5 minuti 🙂

  • Psyco98

    Boh, oddio, soprattutto chi ci lavora ha senso che lo controlli come prima cosa.
    Nel mio caso lo uso come intermedio per non passare da buio totale a luci accese senza vie di mezzo e svegliarmi gradualmente.

  • Firn3000

    Correggete il titolo (metà degli italiani CONTROLLA lo smartphone…); saremo rincretiniti dai cellulari, ma almeno l’analisi logica la salviamo 🙂