Siete clienti di Poste? Attenti all'SMS truffa che vuole rubarvi le credenziali del vostro conto

Siete clienti di Poste? Attenti all'SMS truffa che vuole rubarvi le credenziali del vostro conto
Vincenzo Ronca
Vincenzo Ronca

Torniamo a parlare dell'ormai classico SMS truffa inviato a persone scelte in ordine casuale con lo scopo di estorcere le informazioni essenziali per accedere al conto bancario o postale online. Le vittime dell'ultima truffa di questo tipo sembrano essere i clienti di Poste Italiane.

Infatti l'SMS segnalato da diversi utenti e portato alla luce da La Repubblica contiene un messaggio di allarme per i presunti clienti titolari di un conto Poste Italiane, con l'avviso di "aggiornare i dati al nuovo sistema Psd2 per evitare il blocco delle utenze postali". Chiaramente il mittente del messaggio non è realmente Poste Italiane e lo scopo è soltanto quello di rubare le credenziali necessarie per accedere al conto online, in modo da prenderne il controllo successivamente.

La pratica è nota come smishing, ovvero un tentativo di phishing che ha origine da un SMS anziché da un'email, e si serviva anche di un sito web costruito in modo molto simile a quello di Poste Italiane, per ingannare appunto i destinatari del messaggio truffaldino una volta aperto il link incluso nell'SMS. La truffa era architettata così bene che il mittente veniva catalogato nella stessa conversazione contenente i messaggi ricevuti dalla reale Poste Italiane, come ad esempio quelli relativi alla consegna di un pacco.

Stando all'analisi di alcune segnalazioni, sembra anche che i malintenzionati avrebbero potuto anche avere accesso alle informazioni di alcuni reali clienti di Poste, in modo da veicolare meglio l'SMS truffaldino. Quest'ultima ipotesi non sarebbe stata comunque confermata.

È bene specificare che la direttiva Psd2 è effettivamente entrata recentemente in vigore ma è altrettanto importante tenere a mente che nessun gestore bancario o postale vi chiederà mai le credenziali di accesso attraverso un SMS o a partire da un SMS.

Commenta