Sony ha un obiettivo in testa: portare la qualità delle DSLR su smartphone

Matteo Bottin

Recentemente Sony ha tenuto una conferenza in Cina, durante la quale il capo della sezione di Sony di imaging and sensing solutions business ha rivelato interessanti novità riguardo lo sviluppo di nuove soluzioni per le fotocamere degli smartphone.

Oltre al fatto di essere in produzione nuovi sensori da 64 e 108 MP (per raggiungere la concorrenza), Sony si sta focalizzando nel migliorare quello che già c’è, creando sensori con migliore HDR, auto focus e ridotto tempo di messa a fuoco, oltre a migliori performance in condizioni di poca luce.

L’obiettivo finale è quello di portare la qualità di una fotocamera DSLR su smartphone. Obiettivo sicuramente ambizioso, che potrà essere raggiunto portando su smartphone tecnologie avanzate di polarizzazione, TOF e sensoristica.

LEGGI ANCHE: Questi gli smartphone Xperia che sicuramente vedranno Android 10 (aggiornato con tempistiche)

Ma non è tutto: Sony vuole “fondere” tecnologie già esistenti, per creare qualcosa come HDR + sfondo sfuocato. Insomma, c’è tanta carne al fuoco, soprattutto nel settore dei sensori fotografici, dai quali Sony crede di estrarne gran parte del ricavato (890 miliardi di yen contro i 1,04 trilioni di yen totali).

Via: GizChina
  • Gabriele

    ma che si concentrino su rumore e gamma dinamica che correre dietro a samsung e solo aumentare il numero di pixel non serve a una cippa

  • Nigel

    Ah quindi aumentare il numero di pixel porterà la qualità di una reflex?
    ovviamente un obiettivo impossibile.
    Dovrebbero lavorare su sensori da 12 mpx e migliorare altro.