Apple Watch ad un passo dal 50% di market-share, ma è arrivato un ospite scomodo (foto)

Enrico Paccusse La società a crescere di più nel podio è Samsung, secondo i dati Strategy Analytics

Non che fosse una novità: Apple ha il predominio completo nel mercato degli smartwatch. Questo è quanto emerge dall’analisi condotta da Strategy Analytics, che vede la società della mela raggiungere vette mai esplorate, con il 47,9% di market-share.

Mancano solo 2 punti percentuale e sarà raggiunta la fatidica quota di metà mercato. Vorrebbe dire che per ogni 2 smartwatch, uno è targato Apple – un successo difficile da immaginare all’inizio, vista e considerata la chiusura nei confronti degli altri sistemi operativi.

LEGGI ANCHE: Xiaomi Mi Note 10 arriva in Italia

In generale, i dati offrono comunque un quadro in salute per il mercato, con un aumento del 42% di spedizioni rispetto allo scorso anno, con Samsung protagonista della crescita migliore anno su anno (73%).

C’è però un altro grande nome che si delinea all’orizzonte, ed è Google, fresca proprietaria del marchio Fitbit, sceso dal secondo al terzo posto nell’ultimo anno. Riuscirà Big G a risollevarne le sorti? La battaglia si fa interessante.

Fonte: Strategy Analytics
  • errata-corrige

    Se nella classifica consideriamo solo gli smartwatch veri e propri , gli Apple Watch superano il 50% e lo share è in continuo aumento. D’altronde è troppo migliore e innovativo rispetto alla concorrenza. Usare un iPhone con Apple Watch, unitamente alle AirPods (e le nuove Pro sono incredibili) è un esperienza unica. Avere poi un HomePod e un Mac con iPad completa un ecosistema a dir poco spettacolare.

    • ILCONDOTTIERO

      *” D’altronde è troppo migliore “*
      Cavolo dire che sei un grande esaltato è ancora troppo poco .

  • Nessunoalex

    Io non compro Apple, ma se non ci fosse bisognerebbe inventarla. Ha sempre avuto talento nello sviluppare per benino prodotti del tutto nuovi. I costi sono ovviamente molto elevati ma riesce a trovare un equilibrio con i propri clienti. Poi gli altri “prendono spunto”, arrivano prodotti simili a prezzi inferiori e tutti siamo contenti. 😉