I nuovi iPhone 11 debuttano su AnTuTu, mentre in attesa di Snapdragon 855+ nulla cambia in vetta (foto)

Roberto Artigiani

Come ogni mese AnTuTu ha pubblicato la sua classifica dei 10 migliori (=più potenti) dispositivi sia nel reame Android che in quel di iOS e in entrambe le graduatorie non ci sono grandi cambiamenti. Soprattutto per quanto riguarda il podio la situazione appare immutata in Android dove il terzetto ROG Phone II, Asus Zenfone 6 (2019) e OnePlus 7 Pro rimane saldamente nelle stesse posizioni del mese scorso. Sotto si muove qualcosa: in particolare il modello ‘standard’ OnePlus 7 guadagna due posizioni, a scapito di Xiaomi Mi 9 e Redmi K20 Pro, raggiungendo il quarto posto, subito sotto al suo fratello maggiore. Samsung Galaxy Note 10+ invece fa un bel salto indietro scalando dalla posizione numero 7 alla 10 a tutto vantaggio di BlackShark 2 e del debutto di Sony Xperia 1.

In generale vale la pena osserva che la classifica Android vede quasi tutti dispositivi dotati dell’ultimo Snapdragon 855, ma non c’è ancora nessun dispositivo equipaggiato con la variante successiva 855+. Questo perché smartphone più recenti non hanno ancora raggiunto un numero di test sufficiente per entrare in graduatoria. Considerando anche i vari dispositivi lanciati recentemente – come gli ultimi OnePlus 7T – siamo sicuri che il prossimo mese avremo di che parlare.

LEGGI ANCHE: Cosa ne pensate dei prodotti “made by Google” 2019?

Nel mondo iOS la situazione è meno stagnante che in passato grazie all’arrivo dei nuovi iPhone 11, ma c’è da dire che la vetta continua ad apparire irraggiungibile. I due iPad Pro da 11″ e 12,9″ infatti restano saldamente al comando – in posizioni invertite rispetto allo scorso mese giusto per una manciata di punti – segnando un solco con la terza posizione, oggi occupata da iPhone 11 Pro. Curiosamente questo fa meglio della variante Pro Max seguita a ruota da iPhone 11 base. Sotto troviamo il resto della classifica di settembre semplicemente scalata di tre posizioni.

Tornando alla vetta, il motivo di tanto distacco è dovuto alla potenza del chip A12X Bionic di cui sono dotati solamente gli iPad Pro. Si tratta di un SoC più potente di A12 (ma anche del nuovo A13 Bionic) che però ha bisogno di maggiore potenza energetica e spazio per cui non è adatto alle dimensioni compatte degli smartphone ed è quindi destinato a regnare a lungo. Almeno finché Apple non lancerà dei nuovi iPad Pro.

Fonte: AnTuTu (1), (2)