I processori ARM stanno per diventare molto più veloci, ecco perché (video)

Matteo Bottin

Direttamente dall’ARM TechCon sono arrivate ottime notizie: ARM ha annunciato il supporto per istruzioni personalizzate per le proprie CPU ARMv8-M. Le applicazioni per questa novità sono tantissime, e vanno da un hardware più efficiente ad una sicurezza migliorata.

Sebbene sia ARM la responsabile per il design dei processori che troviamo in molti nostri dispositivi (principalmente smartphone, ma non solo), l’azienda darà ora la possibilità agli OEM di creare dei set di istruzioni personalizzate, in modo da spremere molto meglio l’hardware a disposizione.

Per ora il focus di ARM riguarda il campo dell’IoT e le piccole applicazioni (c’è tutto un mondo industriale che usa ARM), ma è aperta anche al trasferimento della funzionalità anche sulle CPU Cortex-A, e, quindi, anche su smartphone. Il motivo è semplice: in applicazioni IoT l’efficienza è fondamentale, molto più che su uno smartphone: più un componente è piccolo (a parità di performance) e meglio è.

Certo, in un processore la frequenza di clock ci indica a grandi linee il numero di operazioni che una CPU è in grado di eseguire in un lasso di tempo. Ma non è solo importante il numero delle operazioni, ma anche il come vengono sfruttate: il parallelismo o alcune operazioni particolari possono essere progettate per girare molto efficientemente se si ha libertà di manovra.

Le prime istruzioni personalizzate saranno disponibili sugli ARM Cortex M33 nella prima metà del 2020, e non ci saranno costi aggiuntivi per la licenza (a tutto vantaggio dei consumatori).

Via: Android Authority
  • ILCONDOTTIERO

    Ovviamente a tutto vantaggio dei consumatori ….
    Non ho mai visto nessuno che regala nulla per nulla .

  • T. P.

    volevo vedere bene la moto ma non c’è ne traccia in tutto il video! 🙁

    immagini ingannatrici!!!