Con iOS 13.2 l’utente potrà evitare che le sue conversazioni con Siri siano ascoltate

Enrico Paccusse Non solo, potrà anche rimuovere lo storico delle interazioni

Mai come in questo periodo il tema della privacy è al centro dell’attenzione mediatica, soprattutto dopo gli scandali che sono esplosi attorno ad Apple e a Facebook nell’ultimo periodo.

L’azienda di Cupertino pare però aver preso a cuore le esigenze comprensibili degli utenti e, con la beta di iOS 13.2, sembrerebbe intenzionata a dare la possibilità all’utente di scegliere se lasciare che le proprie conversazioni con Siri siano ascoltate per migliorare la qualità del servizio.

LEGGI ANCHE: Non volete che Amazon ascolti le registrazioni con Alexa? Basta un click

Non solo, secondo le indiscrezioni fornite da Engadget ci sarà anche la possibilità di rimuovere tutto lo storico delle conversazioni per far sì che non venga più analizzato.

A questo Apple assocerà anche ulteriori misure restrittive verso i suoi dipendenti, al fine di limitare le informazioni che saranno messe a loro disposizione. Meglio tardi che mai, non credete?

  • errata-corrige

    Non credete a questi pseudo giornalisti. Apple , a differenza dei casi comprovati di google e alexa, non ascolta in diretta nessuno. Venivano pescate parole random non riconducibili ad un particolare utente, e con il nuovo software si può disattivare la partecipazione. Ma nessuno ha mai ascoltato una parola in diretta , ne in indifferita riconducendola ad una persona specifica. La stessa Apple ha strutturato Siri e tutto l’iPhone per il massimo rispetto della privacy.