Xiaomi Mi Band 5 potrebbe colmare anche in Europa l’unica vera lacuna dell’attuale Mi Band 4

Edoardo Carlo Ceretti Secondo le prime indiscrezioni, Xiaomi potrebbe decidersi ad estendere globalmente il supporto all'NFC.

Inutile girarci attorno, Xiaomi Mi Band 4 è stato un successo di vendite clamoroso, superando di slancio i già comunque acclamatissimi modelli precedenti. Da semplice e limitato gadget smart, il dispositivo indossabile del colosso cinese si è evoluto negli anni, arrivando ad offrire molte funzionalità un tempo esclusive degli smartwatch – compreso il bellissimo display OLED a colori – in un formato più compatto e ad un prezzo più che popolare. C’è però una funzione che gli utenti occidentali reclamano a gran voce e che potrebbe finalmente arrivare con Mi Band 5: il supporto completo all’NFC.

L’indiscrezione proviene dai colleghi di TizenHelp, secondo cui Xiaomi sarebbe intenzionata ad estendere le funzionalità NFC anche fuori dalla Cina, nel prossimo futuro. Sin da alcune varianti di Mi Band 3 infatti, gli utenti cinesi possono sfruttare la smartband di Xiaomi per effettuare pagamenti contacless o come surrogato del pass magnetico per entrare al lavoro o sui mezzi pubblici. Da tutto ciò però risultano esclusi gli utenti internazionali, poiché per attivare certe funzioni sono necessari accordi con i gestori locali, che Xiaomi non ha voluto ancora discutere.

LEGGI ANCHE: Recensione Xiaomi Mi Band 4

In vista del lancio di Mi Band 5 però – atteso per il secondo trimestre del 2020, secondo alcune voci – il produttore cinese potrebbe decidersi a compiere il grande passo, per continuare ad alzare l’asticella delle funzioni offerte e rimanere il punto di riferimento del settore smartband. D’altronde, i pagamenti NFC si stanno velocemente affermando in tutto il mondo, Italia compresa, dunque una simile funzionalità sarebbe accolta con estremo interesse dagli utenti nostrani. Siete d’accordo anche voi?

  • DeST

    Darebbe una bella spinta all’uso del contactless, soprattutto considerando che la maggior parte degli smartphone di fascia media in commercio non prevedono il modulo NFC e che rappresentano la fetta più grossa del mercato.

  • blablabla

    La lacuna è il gps. Diventerebbe una smartband per la corsa a tutti gli effetti, che permetterebbe di lasciare a casa lo smartphone. Chissene dell’NFC, non farei mai dei pagamenti con la mi band.

    • Andrew

      Io ne faccio tantissimi con il telefono usando Google pay, se dovessero metterlo sul mi band 5 sarebbe ancora più comodo

      • ILCONDOTTIERO

        Tantissimi ? Che lavori in banca ? XD 😁 .
        Nemmeno io mi fiderei della band comunque.

        • Andrew

          No ahah
          Comunque si, io non uso praticamente più contante, ormai solo pagamenti contactless

          • ILCONDOTTIERO

            Onestamente pagamento con smartphone mi trovi d’accordo , la band attuale non è affidabile in tal senso . Dovrebbero integrarla nel software dello smartphone , perché indipendente così come è allo stato attuale non è affatto sicura.

    • GoodSpeed

      Mha… io senza cell non vado a correre. Metti che mi faccio male come avverto moglie e figlia?

      • blablabla

        io porto un feature-phone da 20€, leggerissimo (sembra vuoto) e piccolissimo, che riesco a infilare nella piccola tasca dietro dei pantaloni da corsa. Solo per emergenze. Non voglio avere nè il peso nè la rintracciabilità dello smartphone.

      • Mario Rossi

        Io uso un Lemfo Lem X (orologio-telefono 4g android), non necessariamente al polso, con sim da pochi euro su cui trasferisco, volendo, tutte le chiamate al mio num. principale.

        • GoodSpeed

          Visto grazie.

    • Si vis pacem, para bellum

      Da soddisfatto possessore di Mi Band 4 e probabile acquirente di Mi Band 5 io invece dico “chissene…” sia all’NFC che al GPS e non voglio ne l’uno ne l’altro sulla prossima Mi Band.
      L’NFC perchè totalmente inutile in quanto non funzionerebbe con Google Pay ed il GPS perchè (come l’NFC) aumenterebbe i costi e probabilmentre influenzerebbe batteria e potenzialmente anche dimensioni senza nessun uso pratico (per me, chiaramente). Google Maps non è usabile quindi l’unico uso per il GPS è il tracking per le varie attività ed il collegamento al GPS dello smartphone funziona già alla grande adesso (tra le altre cose uso la Mi Band 4 come “computerino” da bici: velocità istantanea, distanze percorse e dislivelli superati sono correttissimi).
      Lo smartphone è l’unica cosa che è *sempre* con me, per moltissime buone ragioni, e non ho alcuna intenzione ne esigenza di lasciarlo a casa.

    • Condivido pienamente

  • ILCONDOTTIERO

    Potrebbero anche aumentare le dimensioni del display.

    • Andrea900

      Chiamandolo “Bip”?

      • ILCONDOTTIERO

        Non esattamente . Possono farlo completamente touch a 1,1″ e la superficie occupata è più o meno quella attuale e con una batteria più grande. Avresti più informazioni leggibili e non è poca cosa.

  • Paolo Paolucci

    [fakenews]
    Gli rubano lo smartband e offrono la colazione in tutti i bar di Milano. Prosciugato il conto.

    • Basta bloccare da remoto la possibilità di fare pagamenti 😄

  • Giannicola

    Magari fanno due versioni una senza l’nfc e l’altro ovviamemte con l’nfc e lo chiamano Xiaomi mi band 5 “pro” come ormai ci siamo abituati a sentire mettendoci quella 5€uolo di differenza 😆😂😅

  • Okazuma

    Se posso collegarla ad Google Pay, la prendo al day1 ma mi sembra difficile onestamente.
    GPay è legato ad Android e la Band ha un OS proprietario

  • lorotel

    Ho avuto la MiBand 3 NFC pur sapendo che difficilmente sarebbero stati abilitati i pagamenti contactless qui da noi…..sono passato alla 4 liscia al day One e, a dispetto dello schermo a colori, con la batteria son passato da due settimane a quasi un mese….quindi meno sensori (soprattutto se non utilizzabili….) ci sono, meglio è….

  • Nik

    Mmmmh… pagamenti con la Smartband? No, anche perché con gpay devi sbloccare quantomeno il tuo telefono, invece con una smartband che ci mettono un lettore di impronte per approvare il pagamento? Se non mettono nulla per autenticarti va a finire che se lo perdi ti svuotano il conto.
    Il top per me sarebbe il GPS e 4/8 GB di memoria, disposto anche a pagare il doppio per queste due cose

  • zoo

    Più che gps e nfc secondo me sarebbe cosa buona e giusta un sensore spo2. Il gps consuma molto e basta usare il telefono. Nfc lo penso utile solo se si potesse caricare tipo abbonamento per i mezzi. Per pagamenti meglio usare il telefono e la domodotica (tipo aprire una porta) è poco diffusa ancora.

  • Gianluca Rondina

    Io passerei alla mi band 5 solo se avesse anche nfc anche se per alcuni pagamenti occorre lo smartphone in quanto devo utilizzare gli sconti dell’app despar tribù. Gps no, va benissimo quello dello smartphone. Nfc invece sarebbe una bella comodità naturalmente non avrebbe senso se poi devi sbloccare lo smartphone ogni volta. Vedremo…

  • ILCONDOTTIERO

    Basterebbe un display poco più grande per leggere meglio le informazioni , tipo 1,1″ in lunghezza e avere tutta la superficie touch così rimarrebbe compatta . Nfc e Gps uso lo smartphone con servizi dedicati non certo inclusi nella band .