Mudita Pure è il telefono per staccarsi dalle distrazioni ed è curato fino ai minimi dettagli (video)

Matteo Bottin

Molti sono stati i tentativi di creare il telefono anti-dipendenza (uno di questi è anche molto recente), ma in questo caso il progetto è molto interessante non solo per la sua provenienza (sviluppato in Europa), ma anche per la cura dei dettagli che è stata portata avanti.

Parliamo di Mudita Pure, primo telefono di Mudita, azienda nata da Michal Kicinski, fondatore della famosissima CD Projekt, software house dalla quale è nata la saga videoludica “The Witcher”.

Se alcune specifiche sembrano “già viste”, come lo schermo e-ink, un design molto “feature phone” e potenza limitata, è tutto il contorno ad essere molto interessante: i progettisti non si sono limitati a prendere componenti “già fatti”, ma hanno progettato gran parte dell’hardware, partendo dalla scheda madre e il sistema operativo (chiamato MuditaOS).

In questo modo hanno ottenuto consumi davvero ridotti e, soprattutto, valori SAR decisamente bassi: per farlo hanno usato addirittura un sistema nuovo e brevettato. Non mancano però alcune comodità: c’è il supporto alla doppia Nano SIM, jack audio e anche uno slider laterale per attivare la modalità Non Disturbare.

LEGGI ANCHE: Light Phone 2 è disponibile per il preordine in Italia: qual è il prezzo per non diventare smartphone-dipendente?

Mudita Pure per ora è in fase di crowdfunding su Kickstarter con spedizioni a partire da aprile/maggio 2020. Sebbene (anche) in questo caso il prezzo è decisamente “poco budget phone” (369$ dopo il lancio), la campagna è andata benissimo: non solo ha superato l’obiettivo prefissato (circa 90.000€) in meno di un’ora, ma ad oggi sono stati raccolti più di 188.000€.

Fonte: Kickstarter