Su iPhone 11 con AirDrop basta puntare l’iPhone verso la persona per condividere file o foto

Lorenzo Delli -

I nuovi iPhone 11iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max nascondono al loro interno qualche segreto in più di quanto si potrebbe sospettare. Segreto per modo di dire, visto che durante la presentazione si è parlato nel dettaglio dei nuovi chip A13 Bionic, scendendo nel dettaglio e illustrando tutti i moduli che lo compongono.

Tra questi c’è anche il nuovo chip Ultra Wideband per il rilevamento spaziale. Di cosa si tratta? Ce lo spiega Apple sulla pagina ufficiale dei nuovi iPhone:

L’innovativo chip U1 progettato da Apple usa la tecnologia Ultra Wideband per localizzare con precisione gli altri dispositivi Apple che ne sono dotati. È come se iPhone avesse un senso in più che gli permette di fare cose incredibili.

Con il chip U1 e iOS 13, se punti il tuo iPhone verso quello di un’altra persona, AirDrop darà la priorità a quel dispositivo velocizzando il trasferimento di file. E questo è solo l’inizio.

Si tratta in sostanza di una sorta di Bluetooth Low Energy per la localizzazione e la trasmissione wireless di dati. La frase “E questo è solo l’inizio” potrebbe fare riferimento al tracker in stile Tile che Apple (Apple Tag?) starebbe producendo “in gran segreto“. Già nella beta di iOS 13 si hanno riferimenti sia al dispositivo che all’app per utilizzarlo, ed è a questo punto probabile che, in quanto dispositivo Apple, sfrutti una soluzione fatta in casa come appunto il chip Ultra Wideband.