Deep Fusion, la nuova modalità di iPhone, scatta ancora prima che voi premiate il pulsante (foto)

Enrico Paccusse La funzione Deep Fusion sarà disponibile come aggiornamento più avanti (in autunno)

L’attesa aumenta il desiderio – deve essere stato questo il pensiero di Apple che ha presentato alla conferenza stampa di ieri (dedicata ad iPhone 11 e iPhone 11 Pro) una modalità fotografica non ancora disponibile.

Si chiama Deep Fusion e promette scatti mai visti prima d’ora, con un livello di definizione e HDR estremamente avanzato. Ma come funziona? Grazie all’articolo di PhoneArena, facciamo un po’ di chiarezza:

  • Si compone di un totale di 9 immagini;
  • Già prima di premere l’otturatore, il software raccoglie 4 immagini con breve esposizione e 4 immagini secondarie;
  • Nel momento dello scatto, la foto viene presa con esposizione lunga di 1 secondo;
  • Poi, nel giro di un altro secondo, il Neural Engine elabora e combina insieme tutte e 9 le immagini, scegliendo le migliori tramite un accurata selezione di ogni singolo pixel (24 milioni di pixel) per arrivare ad un’immagine finale con poco rumore e molti dettagli.

Per dare un giudizio è ancora presto – Apple sostiene che questo sia il primo caso in cui una rete neurale è responsabile dell’output di un’immagine, ma sappiamo che spesso si fa prendere la mano. A questo punto non ci resta che attendere il rilascio della funzione, atteso per l’autunno, e provarla con mano.