Apple Watch presto veglierà sul vostro sonno come un novello Morfeo?

Edoardo Carlo Ceretti Sarebbe in arrivo una nuova e articolata modalità di tracciamento del sonno, che sarebbe retrocompatibile anche con gli attuali modelli di Apple Watch.

Apple Watch è indiscutibilmente il miglior smartwatch presente sul mercato, con l’unico ostacolo ad una diffusione ancora più capillare rappresentato dall’esclusivo supporto ad iPhone. Tuttavia, nonostante la sua superiorità manifesta rispetto alla concorrenza, ci sono ancora aree su cui Apple Watch può migliorare, una su tutte la grossa lacuna di tracciamento e analisi del sonno. Presto però potrebbero arrivare grosse novità in merito.

Da tempo infatti si parla di una svolta in tal senso per lo smartwatch di Cupertino e ulteriori conferme provengono da fonti interne all’azienda, riportate dai colleghi di 9to5 Mac. Le funzionalità dovrebbero essere puramente software, dunque non esclusive del probabile nuovo Apple Watch atteso insieme ai nuovi iPhone per il 10 settembre, ma estese anche ai modelli precedenti.

LEGGI ANCHE: Le specifiche di iPhone 11, iPhone 11 Pro e iPhone 11 Pro Max

Il nome in codice della nuova modalità di tracciamento del sonno è Burrito, mentre internamente è per ora conosciuta con il nome di Time in Bed Tracking. Gli utenti potranno dunque indossare Apple Watch anche di notte e ricevere una dettagliata analisi qualitativa del proprio sonno, grazie alla raccolta di dati permessa dall’avanzata sensoristica di cui è dotato lo smartwatch. Verrebbero infatti presi in esame i movimenti notturni (e la loro intensità), il battito cardiaco e persino i rumori ambientali, per tracciare un ritratto accurato dell’andamento del sonno.

La modalità presenterebbe anche alcune funzionalità correlate: un promemoria per ricaricare Apple Watch prima di coricarsi, in modo da avere sufficiente autonomia per coprire anche la successiva giornata, la disattivazione automatica di eventuali sveglie mattutine nel caso ci si svegliasse in anticipo, una modalità non disturbare automatica per non turbare il sonno con la ricezione di notifiche indesiderate e altro ancora.