Almeno mezzo milione di utenti imbroglioni su Pokémon GO e Harry Potter: Wizards Unite

Enrico Paccusse Niantic cambia il regolamento per punire chi imbroglia

Uno è un gioco uscito circa tre anni fa, che ha macinato un successo incredibile nel primo anno e che ha da poco superato il traguardo del miliardo di download ufficiali, l’altro è invece uscito da meno di 3 mesi, e sta iniziando a macinare i primi successi. Cosa hanno in comune? Due cose: la casa di produzione, Niantic, e gli imbroglioni che li popolano.

Stiamo parlando di Pokémon Go e Harry Potter: Wizards Unite, due giochi che si basano sulla tecnologia della realtà aumentata per coinvolgere gli utenti nelle avventure e che, a quanto pare, pullulano di malintenzionati, pronti ad usare applicazioni alternative o semplici add-on per trarre vantaggio durante il gioco.

LEGGI ANCHE: Arriverà un nuovo Pokémon GO per smartphone

Niantic ha pubblicato una nota ufficiale in merito, dove dichiara di aver identificato almeno mezzo milione di utenti poco onesti. Per limitare tale fenomeno, la decisione è stata quella di cambiare le condizioni d’uso, introducendo la Three Strikes Policy, che consiste nell’uso di 3 fasi di richiamo: avvertimento, sospensione e infine terminazione.

Inoltre, i dispositivi che hanno i permessi di root non potranno più giocare con i due giochi. E certi comportamenti illeciti, laddove esagerati, potrebbero condurre alla terminazione istantanea, senza passare per i due passaggi intermedi. Niantic fa sul serio.

Via: PhonearenaFonte: Niantic
  • Mattia Ranieri

    Mi sa tanto di articolo a cavolo tutto sbagliato chi ha root gioca, i giocatori fly sono oltre il milione e nessuno ha sanzioni. Conosco gente che dal 2016 usa fake gps e gioca felicemente senza problemi

  • Master Wolf 255

    Però a Niantic sta bene quando quelli che usano i cheat spendono soldi nel negozio…alla fine alterano solo la posizione e per me fanno benissimo…non è giusto che chi abita in piccoli centri dove non gioca nessuno non può partecipare a raid sia normali che ex…inoltre se non ci sono molti pokestop è impossibile farsi una squadra come si deve…non è giusto che certi giocatori vivino all’ombra di chi ha la fortuna di vivere in grandi centri urbani.

    • Davvero? Ma se usano i cheat perché dovrebbero spendere soldi nel negozio? Con flygps cammini h24 e schiudi uova a volontà, metti palestre ovunque e carichi l’inventario.
      Ha più probabilità di spendere uno che gioca correttamente che uno che usa cheat, e penso che vorrebbero evitare che i giocatori corretti si scoccino per gli imbroglioni.

      • Master Wolf 255

        Io stesso uso fly gps…però spendo almeno 50 euro mensilmente…i biglietti raid, le incubatrici, gli spazi borsa e pokemon, le cure non si prendono gratuitamente…inoltre contrariamente a quei deficienti che col fly gps attaccano le palestre conquistate da veri giocatori io non lo faccio…mi limito a fare le mie catture i raid e le schiusa di uova…nella mia città sarebbe possibile solo fare schiusa uova…non posso fare ne raid ne catture rare…o rendono le cose buone per tutti o io continuerò ad usare il fly GPS

  • Alessandro

    A Niantiac fa comodo. Se fossero 500mila da bloccare su 1 milione di giocatori, perderebbe metà clienti. Inoltre se anche solo la metà (250mila) dovesse spendere 1 euro al mese, avrebbe una perdita sostanziosa. Oltre un’immensa pubblicità negativa.

    Per il fatto del root, la ritengo una clausola irritante: chi fa il root lo fa per migliorare le prestazioni del telefono, magari con qualche anno sulle spalle, non di certo per un gioco. Proprio poca obsolescenza programmata, eh? Non hanno alcun diritto ad imporre il non utilizzo, specie perché ormai diverse marche hanno il root di fabbrica.

    • Molte applicazioni sono vietate con il root anche banche ecc.. , non ci vedo nulla di male. Con il root potresti ingannare l’applicazione ed usare cheat, certamente non si preoccupa dell’obsolescenza programmata. Quello è un problema dei produttori, mica degli sviluppatori…

      • Alessandro

        Perché sviluppatori e produttori non sono “culo-camicia” secondo te?
        Io ho un “vecchio” Huawei G7 senza root, funziona perfettamente a distanza di 5 anni. Pokémon go non me lo fa utilizzare nonostante Android 7. Perché?
        Ho un vecchio Samsung di circa 8 anni, root, funziona benissimo (col root, perché senza root fa davvero schifo!) ed utilizzo Android 8 con app bancarie (2 banche diverse), e altre “delicate”. Pokémon go non va.
        Un mio amico ha acquistato uno Xiaomi (che, si sa, sono root di fabbrica) e Pokémon go non va.
        Honor 7x il mio attuale, Pokémon go e “trucchi” quali gps falso funziona.

        Se non fosse per quello, smetterei immediatamente perché, nella mia città, ci sono pochi stop, poche palestre, 7 per la precisione (tutte di flyer e tutte rigorosamente dello stesso colore, con gli stessi nomi dentro). Se io non potessi “volare” a Milano per cercare una palestra in cui lasciare dentro un Pokémon per più di 5 minuti, avrei 1 moneta al giorno legalmente. Si, perché ho provato a giocare legalmente: a qualsiasi ora del giorno e della notte, la palestra cambiava colore per il tempo di fare 50 metri in macchina, e non c’era nessun altro in zona oltre me, alle 3 di notte, in settimana (visto che lavoravo di notte, li mettevo dentro a fine turno).
        Segnalata la cosa a niantic, 2 sono stati bannati, per circa 3 mesi. E poi?? Eccoli di nuovo.

        Il root come qualsiasi altra tecnologia e oggetto, sono pericolosi solo se non si sanno usare. La storia del “è più vulnerabile” non regge, hai gli stessi rischi di uno non root se scarichi da fonti ufficiali.

        • No, non sono culo-camicia. A meno che tu non voglia vedere complotti dove non ci sono, sviluppatori e produttori di hw non hanno niente a che fare.

          • Alessandro

            Ok, ho capito di che pasta sei fatto. “GOMBLODDI”….. Dopo queste tue affermazioni, capisco quanto sia inutile rispondere, ma lo farò per utenti che possano usare più di un neurone impostato sul “GOMBLODDO”.

            Ma per favore!!! E’ ben risaputo che TUTTI i produttori HW sono in contatto con gli stessi sviluppatori, chiedendo di fare prodotti “ingestibili” da vecchi dispositivi, proprio per farli sostituire di frequente.

            Si sa che ogni app che esce, ed ogni sistema operativo che esce, è sempre più pesante e richiede prestazioni sempre maggiori. Perché??? Non ci arrivi? Obsolescenza programmata, forse ti dirà qualcosa (di cui Apple è stata anche processata e giudicata colpevole, ad esempio, ma lo stesso con diversi casi Samsung/Android, di nuovo ad esempio). Un telefono recente durerebbe anche 6-8 anni senza problemi, magari sostituendo la batteria ogni 2-3 anni, se non obbligassero a cambiarlo perché le app non sono più compatibili, perché i S.O. diventano pesantissimi. Ecco che il root aiuta, e ridà vita ad un cellulare alleggerendo del 50% il carico, o creando una versione “cucinata” dei sistemi operativi più recenti, o semplicemente versioni “lite” di Android (esempio poichè legale essendo open source; non cito Apple per il motivo legalità = Hackintosh = illegale).

            E non ti chiedi neanche perché i produttori HW abbiano reso le scocche termofuse o monoscocca sigillate senza possibilità di sostutuire la batteria come quelli “vecchi”? Ovvio per lo stesso motivo: una batteria costava 15-20 euro e durava anni, ed ecco che il mercato “nuovo smartphone” rallenta. Perché? Perché la gente preferisce spendere 15-20 euro e aprire uno sportellino chiuso a scorrimento, od in media 150-200 euro per un dispositivo nuovo??? O magari, 100 euro per sostituire la batteria dal produttore (o la metà dai cinesi con dubbia qualità del ricambio)? Secondo te, perché la “riparazione” ha prezzi simili ad uno nuovo??? Eh, in effetti, è un “GOMBLODDO”, hai ragione tu.

            Saluti.
            PASSO, E CHIUDO.

          • Ed ecco che arriviamo al “è risaputo”, ma in realtà è nella tua testa. Se è risaputo, ci sono notizie? Io non ne ho viste.
            La maggior parte delle app, che io sappia, funzionano ugualmente per tutti gli smartphone, WhatsApp ad esempio funziona tranquillamente sul Motorola Moto G di 5 anni fa senza problemi, Facebook è ovviamente diventata più pesante con l’aumentare delle funzioni, ma è stata anche distribuita una versione lite per i telefoni più datati.
            Giochi? Ovviamente, c’è sempre stata la rincorsa alla grafica più potente.
            Le batterie sono OT, c’è da fare un discorso a parte che mi scoccio di intraprendere, ora.

  • IsNotMyIdea

    Sono un fly su WU spendo regolarmente soldi circa 20€ mensili è proprio oggi mi è arrivato l’avviso, così come al 90% del gruppo Discord, tanto cazzara non mi pare Niantic a sto giro fa sul serio, e vabbè si va di legit