La nuova frontiera del phishing attacca direttamente i negozi degli operatori

Enrico Paccusse - Questo è quanto viene riportato da Mondomobileweb

Se siete degli utenti consapevoli avrete sicuramente sentito parlare già in passato del cosiddetto phishing, una frode informatica che cerca di ottenere informazioni personali o dati finanziari con l’inganno.

Un esempio lampante sono le email inviate con indirizzi simil-ufficiali che mirano a sostituirsi all’azienda di riferimento (es. PayPal) così da spingere l’utente a fidarsi e a fare la procedura di autenticazione con il link fornito nella email, che non è altro che una pagina creata ad hoc dai malintenzionati per avere i vostri dati.

LEGGI ANCHE: Un’anteprima della modalità scura di Facebook

La nuova frontiera, secondo quanto riportato dalla fonte, sarebbe il phishing fisico, nella rete di punti vendita dei vari operatori. Da un po’ di tempo all’interno di questi negozi si starebbero presentando dei sedicenti tecnici, che fingendosi personale qualificato, richiedono di accedere ai terminali per aggiornare il software o installare nuovi programmi utili per monitorare le vendite (chi più ne ha più ne metta).

Una volta ottenuta l’autorizzazione, questi si intrufolano nei database e estraggono tutti i dati personali e, laddove presenti, finanziari. Le testimonianze sembrano focalizzarsi su un solo gestore telefonico, non dichiarato, ma il rischio concreto è che si espanda in futuro. Se ci sono dipendenti di centri telefonici a leggerci, prestate molta attenzione!

Fonte: Mondomobileweb