Il 5G non mette a rischio la salute, lo assicura anche l’FCC

Edoardo Carlo Ceretti

Come ogni tecnologia rivoluzionaria che si rispetti, anche l’ascesa del 5G deve fare i conti con la resistenza di gruppi di persone preoccupati dalle possibili conseguenza della sua prossima diffusione. Il timore per l’ignoto, la disinformazione e le strampalate teorie del complotto che circolano da mesi hanno persino spinto il Governo italiano a prendere la parola per sfatare la diceria che vedrebbe il 5G lesivo della saluta pubblica. Ma un parere autorevole in più non fa di certo male.

In questo caso proviene dall’FCC (Federal Communications Commission), ente statunitense che si occupa della certificazione dei dispositivi elettronici necessaria per il loro approdo sul suolo americano, accertando che rispettino tutti i parametri stabiliti dalla legge. L’ente ha analizzato nel dettaglio la letteratura scientifica sul 5G ed è giunto alla conclusione che le sue emissioni di onde radio siano del tutto simili a quelle di 4G, 3G e 2G.

LEGGI ANCHE: Tutto su Salute e 5G

In altre parole, nulla cambierà rispetto agli ultimi 25 anni, in cui la telefonia mobile si è diffusa capillarmente in tutto il mondo, senza che l’essere umano ne abbia sofferto in termini di salute generale. L’ennesima rassicurazione in tal senso probabilmente non sarà sufficiente per i teorici del complotto, ma invitiamo sempre tutti i nostri lettori ad affidarsi al parere di eminenti scienziati, piuttosto che a pagine web sensazionalistiche finalizzate a diffondere panico e disinformazione.

Via: VentureBeat
  • Michele Fratalocchi

    É un po’ come chiedere alla Fiat se le sue auto inquinano. Provate a cercare studi di ricercatori indipendenti. Come l’istituto Ramazzini

    • eXcalibur🗡️

      Il 5G non è stato invento dal FCC, che si occupa appunto di tutelare la salute degli statunitensi impedendo l’arrivo e la commercializzazione di prodotti radio che potrebbero danneggiare la salute.

      • Michele Fratalocchi

        Ovviamente . Però bisogna vedere chi ha finanziato lo studio in questione. Anche l’OMS diceva che lo zucchero non faceva male,O il tabacco, e via discorrendo. Poi si é visto che a finanziare determinati studi c’erano coca-cola filip morris e così tanti altri casi

        • Psyco98

          Potrei, per cortesia, avere qualche fonte sulla WHO che abbia mai detto roba simile? Perché cercando in giro non ho trovato nulla e spesso la stampa generalista distorce malamente (non sempre per cattiveria e decisamente non per complotti vari, ma per semplice carenza di conoscenze scientifiche, basti pensare a tutti i “il wiskey fa bene” che si leggono in giro) studi effettuati e dichiarazioni varie.

          • Michele Fratalocchi

            Non riesco a postare il link mi cestinano il commento in spam. Comunque se cerchi 5g istituto Ramazzini trovi le ricerche e se vuoi ci sono i video di conferenza su youtube

          • Psyco98

            Non è che mettono come spam, è che di default disqus manda in moderazione i commenti con link e devono essere approvati manualmente.
            Ma quello che cercavo io non sono link sui risultati di quello studio, poiché finché si tratta di un singolo studio contro a tutto il resto della comunità scientifica, vulnerabile ad errori di processo come qualsiasi altro che dovrò analizzare con calma dopo la sessione di settembre, soprattutto perché dovrei cercarmi il paper e dare uno sguardo dettagliato alle metodologie.
            Quello che cercavo sono piuttosto le fonti per le supposte dichiarazioni dell’oms, che non mi risulta abbia mai detto cazzate simili (ed è finanziata per lo più da nazioni ed enti pubblici, non da privati, cosa che mi rende abbastanza difficile capire come e dove potrebbe essere mai forzata nei risultati forniti, soprattutto considerando che praticamente chiunque utilizza i loro studi e ne controlla la validità delle metodologie. Cosa che porterebbe alla diffusione capillare della notizia di eventuali risultati fallati).

    • Lo studio dell’istituto Ramazzini è quello su cui tutti si appoggiano per dare contro al 5G. L’unico contro decine di altri che dicono l’opposto. E come è scritto bene qui (https://www.butac.it/i-pericoli-del-5g/) il loro studio non prova nulla scientificamente.

  • Alessandro

    Ma poi non è che bisogna essere espertoni. Con il 5G ci saranno più small cell per via delle frequenze basse è vero, ma anche perchè irradiano a bassa potenza di emissione elettromagnetica. Fanno meno “male” 10 micro bts con potenze che coprono qualche metro piuttosto che averne 3 che sparano a palla a 26GHz. Certe volte la gente invece che parlare a vanvera per via di siti che fanno disinformazione e basta dovrebbe informarsi meglio. Come le frequenze attuali il 5G ha dei pro e contro ma dire che il suo sviluppo porti il manifestarsi di tumori che stermineranno la popolazione sono stupidaggini

  • Pocket Clouds

    io personalmente non mi schiero più dalla parte di nessuno, nè da quelli a favore, nè dai contro. Si puó comprare tutto al giorno d’oggi, anche la falsa informazione… Quindi la realtà la scopriremo speriamo a spese di nessuno.

    • Non scherziamo. Io in questi casi faccio sempre un ragionamento: quante persone corrotte dovrebbero esserci per tenere segreta una cosa del genere? Migliaia? Decine di migliaia? È possibile che neanche uno su decine di migliaia non voglia pagarsi la pensione vendendo l’esclusiva mondiale di un segreto simile? O che non resista dopo la 3a birra a dirlo ad un amico?
      Pensateci sempre. I veri segreti mondiali erano cose che sapevano al massimo in una manciata di persone.

  • Marko4646

    A be, se lo dice fcc, un ente statunitense, allora sarà la verità. Potete fidarvi al 100%………
    (se lo dicono loro sarà sicuramente il contrario)