WhatsApp e Instagram diventeranno “di Facebook” (aggiornato: forse non del tutto)

Emanuele Cisotti -

Se ancora ci fosse qualcuno che non sa quale sia l’azienda dietro a Instagram e WhatsApp, presto non ci sarà più modo di ignorarlo. Nel prossimo futuro infatti verrà aggiunto un “from Facebook” davanti al nome di WhatsApp e Instagram, per poi trovare la stessa chiarificazione anche nell’animazione di avvio nell’app. Non ci dovrebbero essere altre aree dell’app coinvolte da questo cambio di nomenclatura.

È una mossa particolare che molti potrebbero trovare invadente e che alcuni, forse i più giovani, potrebbero percepire come negativa e come un maggiore controllo da parte del chiacchieratissimo social network anche nel loro angolo di pace. La mossa in realtà però dimostra anche voglia di massima trasparenza da parte di Facebook. Nonostante il rischio di perdere qualche utente ancora ignaro, il colosso della “blu” ha comunque deciso di fare questa aggiunta, similmente a come già fatto con Oculus, ora Oculus from Facebook, o Workplace, ora Workplace by Facebook.

Pensate che questa modifica sia dovuta oppure la trovate eccessivamente invadente?

Aggiornamento06/08/2019

Come notato da Android Police, il suffisso “di Facebook” è comparso sia su Android che su iOS, ma non nel nome delle app, bensì nella loro descrizione sui rispettivi store, come potete vedere negli screenshot qui sotto. (Per l’esattezza, WhatsApp per Android ancora non ha la scritta “di Facebook” nel Play Store italiano, ma essendo presente nella versione inglese – potete verificarlo qui – non dubitiamo che a breve sarà aggiornata anche la traduzione nella nostra lingua.)

C’è insomma la concreta possibilità che il report originale di The Information fosse inesatto, e che il nome delle due celebri applicazioni non muti. Sinceramente preferiremmo questa soluzione, ma ancora non è detta l’ultima parola.

Via: The VergeFonte: The Information
  • L0RE15

    Se li sono comprati e ora ci piazzano il loro logo/nome vicino. Legittimo visto che la “casa madre” e il loro punto di riferimento rimane il prodotto/logo/nome Facebook. Si potevano intraprendere altre vie, ad esempio quella di fare il contrario, cioè lasciare ogni realtà disgiunta e il più possibile svincolata da Facebook. Son scelte.

  • Tiwi

    che schifo

  • Psyco98

    Vaffanculo

    • Crissi

      👍👍👍👍👍👍👍👍👍

  • Bore96

    Facebook ormai è un sito per pensionati alle prime armi con la tecnologia che pubblicano i buongiorni o le notizie sulla sagra della salsiccia di “inserisci paesino sperduto abitato da 4 vecchietti”, oltre a quello ci trovi solo della grande spazzatura come news fake, post spam con finti titoli che ti reindirizzano a pagine piene di pubblicità (che su altri social come Twitter te li scordi proprio) , l’ennesimo spezzone di Aldo Giovanni e Giacomo e niente di più. Twitter se lo mangia vivo! Oltre che nell’usarlo ti ritrovi anche dei Mi Piace a pagine che non avevi mai messo come Grande Fratello e Benedetta Parodi che per me potrebbero anche non esistere. Whatsapp è popolare praticamente solo qui in italia e in Africa(giuro che non me lo sto inventando andate a leggere in giro) visto che nelle altre parti del mondo si sono tutti evoluti usando Telegram(anni luce avanti a Whatsapp), iMessenger per i possessori di iPhone, Snapchat, Messenger(che ormai è staccato da Facebook), Hangouts e potrei fare tanti altri nomi. Instagram tra il trio sembra l’unico che attualmente non abbia ancora un vero rivale ma francamente un social network dove si posta solo foto è abbastanza inutile, oltre al fatto che è un social con una community piena zeppa di letame dove sono nati personaggi dalla dubbia utilità come Denis Dosio o dove le vip o le “influencer” possono mostrarsi seminude troppi problemi. Poi per carità non dico che non ci sia gente che lo usa per cose sensate che magari pubblica foto di viaggi o di bei momenti che si vogliono immortalare. Ma se si utilizza un altro social integrando lì le foto che posteresti su Instagram francamente se ne può fare a meno. In conclusione non approvo affatto questa mossa da parte del nostro caro Zucchy di utilizzare la popolarità dei due social per costringere in qualche modo la gente a stare su Facebook, mi sembra lo stesso scenario di qualche anno fa con YouTube e Google+ e tutti sappiamo come è andata a finire. In ogni caso se dovessero veramente uscirsene con questa modifica li saluterò definitivamente, per Whatsapp è l’unica magagna visto che quasi tutti ormai lo hanno e ho anche parecchi gruppi con cose importanti ma vedrò di utilizzare solo Telegram che almeno non vende i tuoi dati alle multinazionali.