Amazfit GTR ufficiale: è lo smartwatch più elegante di Huami

Matteo Bottin

Un mese fa Huami (controllate di Xiaomi) ha presentato AmazfitVerge 2 e Health Watch. Due smartwatch (almeno sulla carta) molto validi, ma nemmeno lontanamente eleganti come il nuovo arrivato, Amazfit GTR.

Partiamo subito dal design: Huami vuole proporre sicuramente un prodotto più elegante rispetto ai soliti smartwatch: ghiera in acciaio e cinturino in pelle (anche se c’è la variante in silicone). Si adatta a diversi polsi grazie alle due varianti, da 47,2 e 42,6 mm. Ma vediamo le specifiche tecniche.

Caratteristiche tecniche Amazfit GTR

  • Schermo:
    • 42 mm: 1,2″ AMOLED, 321 PPI (390 x 390 pixel), Gorilla Glass 3
    • 47 mm: 1,39″ AMOLED, 326 PPI (454 x 454 pixel), Gorilla Glass 3
  • Connettività: GPS + GLONASS, Bluetooth 5.0
  • Cinturino: 20 mm
  • Dimensioni:
    • 42 mm: 42,6 (R) x 9,2 mm
    • 47 mm: 47,2 (R) x 10,75 mm
  • Peso:
    • 42 mm: 25,5 g
    • 47 mm: 36 g (Alluminio), 48 g (Acciaio), 40 g (Titanio)
  • Batteria:
    • 42 mm: 195 mAh, 12 giorni
    • 47 mm: 24 giorni
  • Altro: resistenza fino a 5 ATM

Ovviamente non può mancare l’ottima autonomia: per il modello più grande Huami parla di anche 24 giorni con una sola carica. L’interfaccia è stata ottimizzata per gestire questi grandi schermi e migliorare l’interazione.

Ovviamente non manca tutta la parte fitness, con anche un sensore per il battito cardiaco e il rilevatore del sonno. Troviamo poi il GPS, ma manca l’NFC.

Prezzo? 149,99€, ma inizialmente sarà disponibile solo la versione da 47 mm: quella da 42 mm arriverà “nelle prossime settimane”. Nel caso vogliate essere più esclusivi, arriverà anche la Glitter Edition dotata di 60 diamanti Swarovski. Non conosciamo il prezzo di quest’ultima, dovrete aspettarne il rilascio!

  • Antonio Gianfreda

    Qual è l’OS installato?

    • Se è come il Pace/Stratos/Verge, e penso proprio di sì, ha Android modificato.