iPhone 12 (2020) potrebbe montare un sensore ToF per ancor più Realtà Aumentata

Enrico Paccusse

Manca più di un anno dall’esordio degli iPhone 12, ma già iniziano le prime speculazioni su quello che potrebbe esserci al suo interno. Secondo quanto riportato da Gizchina, la società di Cupertino avrebbe fatto richiesta ai propri fornitori di una componentistica specifica per i sensori ToF, che saranno montati nel comparto posteriore per migliorare sensibilmente l’esperienza utente in Realtà Aumentata.

Le stesse componenti sono anche quelle che fanno parte del modulo anteriore, e che hanno permesso il funzionamento del FaceID (che consiste in circa 30mila raggi laser che scannerizzano il volto dell’utente) e di Animoji. Nel reparto posteriore, questi sensori potrebbero permettere la creazione un’immagine tridimensionale di ciò che abbiamo davanti a noi in un arco di 4-5 metri.

LEGGI ANCHE: Ora potete acquistare iPhone a rate con Iliad

Non si tratta del primo sensore ToF, ne abbiamo già visti moltissimi in altri smartphone Android. Ma Apple ci ha insegnato che non è importante avere un determinato avanzamento hardware se a questo non corrisponde un software degno che ne possa permettere a pieno lo sfruttamento. L’obiettivo sarà quindi quello di creare una killer application che si basi sulla tecnologia della realtà aumentata (o di altre affini) per conquistare i cuori degli appassionati. Voi avete idee?

Via: Gizchina