Il comune di Scanzano Jonico ha vietato le sperimentazioni 5G per prevenire rischi sanitari (foto)

Vincenzo Ronca

In un contesto nel quale il mondo tecnologico si avvia ad un cambio generazionale importante come quello apportato dall’avvento del 5G, qualcuno si oppone chiedendosi quali siano i rischi per la salute.

Il comune di Scanzano Jonico, attraverso l’ordinanza emessa dal sindaco Raffaello Carmelo Lipari, ha fermato qualsiasi tipo di sperimentazione delle reti 5G su tutto il suo territorio per prevenire eventuali rischi per la salute dei residenti. I rischi risiederebbero nei campi elettromagnetici generati dagli apparati di rete 5G, i quali andrebbero a sommarsi alle infrastrutture di rete già esistenti ed operative. L’ordinanza giustifica il divieto con la mancanza di studi scientifici che dimostrino la sicurezza delle infrastrutture di rete 5G verso la salute umana.

LEGGI ANCHE: Amazfit Verge Lite, la recensione

Inoltre, il documento chiama in causa quattro studi scientifici nei quali si sarebbe dimostrata l’esistenza di individui con una particolare sensibilità ai campi elettromagnetici, denominata elettrosensibilità, e che questa causerebbe dei cambiamenti a livello fisiologico in questi soggetti quando vengono esposti a determinati livelli di intensità dei campi.

L’ordinanza del sindaco di Scanzano Jonico si basa anche su alcune sentenze e classificazioni emesse da organi competenti in materia nell’ultimo decennio, secondo le quali l’elettrosmog sarebbe una concausa nel rischio cancerogeno: l’ultimo studio svolto dal National Toxicologic Program statunitense avrebbe dimostrato una correlazione statistica tra l’insorgere di un determinato tipo di tumore in ratti esposti ad un campo elettromagnetica di intensità pari a 50 V/m.

Presi come riferimento questi studi, citati nell’ordinanza stessa che potete leggere nelle immagini in galleria, e le conclusioni diffuse da alcuni organismi competenti in materia, secondo le valutazioni della giunta comunale sussisterebbe un “possibile pericolo socio-sanitario ed ambientale derivante dall’attivazione delle reti 5G”: pertanto è stato vietata la “sperimentazione e/o installazione del 5G”.

Via: Jonica TV