Non lamentatevi se la Dark Mode non è nera: il grigio va benissimo per risparmiare batteria

Giuseppe Tripodi -

La Dark Mode è una delle funzionalità più chiacchierate degli ultimi tempi, dato che finalmente sia Apple che Google hanno deciso di implementare un design scuro sulle prossime versioni dei loro sistemi operativi, iOS 13 e Android Q.

Come ben sapranno i fan degli schermi OLED, questo tipo di display consuma meno batteria con colori scuri, e il motivo di questo risparmio viene spesso riassunto con questa frase, diventata una specie di mantra: negli schermi OLED, i pixel neri sono spenti e, quindi, non consumano batteria.

Il che è vero, ma questo porta gli utenti a chiedersi perché i temi scuri non siano effettivamente neri, considerando che sia Apple che Google utilizzano un grigio scuro per la loro interfaccia. Insomma, perché non risparmiare batteria il più possibile?

La ragione è piuttosto semplice: perché la differenza di consumo tra pixel neri e pixel grigio scuro è assolutamente trascurabile. Lo ha spiegato Dylan Rega con un bel post su XDA, di cui andiamo a riassumere i dati più interessanti.

Basandosi sul Dark Theme di Google Material (che usa #121212 come tonalità di grigio) l’autore ha monitorato la situazione sul suo OnePlus 7 Pro, confrontando i consumi per un’immagine completamente nera, un’immagine grigio scuro e un’immagine bianca. In primo luogo, bisogna tener presente che, a prescindere da tutto, il display in questione prevede un consumo fisso di 400mW: questa energia serve semplicemente per permettere allo smartphone di comunicare con lo schermo, che deve essere pronto a mostrare un’immagine.

Ora, assumento una luminosità di 100 nits, i valori teorici calcolati sono i seguenti:

  • Immagine nera (ossia schermo “spento”): 400mW
  • Immagine bianca: 800mW
  • Immagine grigio scuro (#121212): 401.2mW

Si tratta di una differenza dello 0,3%. Ma se i valori teorici non bastano, l’autore si è spinto oltre, monitorando il reale consumo per 5 minuti:

  • Immagine nera (ossia schermo “spento”): 600mW
  • Immagine bianca: 1000mW
  • Immagine grigio scuro (#121212): 600-610mW

Quindi, tirando le somme: sì, un’immagine completamente nera utilizzerà meno energia rispetto ad un’immagine grigio scuro, ma la differenza di consumo è vicina allo 0%. Per dare un’idea di quanto influisca lo 0,5%, facciamo un calcolo (piuttosto arbitrario e assolutamente poco accurato): ipotizzando un’autonomia di 10 ore con il tema grigio scuro,  passando ad un tema completamente nero la batteria durerebbe circa 10 ore e 3 minuti. Una variazione praticamente ininfluente.

Per saperne di più sul tema e per approfondire le misurazioni e i calcoli eseguiti da Dylan Rega, vi rimandiamo al post originale su XDA.

  • Psyco98

    Ok, ma magari di notte preferisco non avere una luce puntata in faccia, anche fosse grigio scuro.

    • dario2106

      Veramente di notte il total black da più fastidio del grigio scuro, in quanto non hai il contrasto al massimo tra sfondo e scritte bianche, che ti bruciano la retina

  • Evilboy

    In realtà tutto dipende dalla tipologia di schermo utilizzata e dalle relative ottimizzazioni: in un display LCD classico la retroilluminazione è sempre attiva ed il nero lo si ottiene mediante il cristallo liquido, ovvero con il passaggio di corrente si spegne il singolo subpixel che non facendo trapassare la luce assume il colore nero. Dunque per gli schermi LCD classici il nero è quello che consuma di più. Nel corso degli anni sono stati introdotti ottimizzazioni con un controllo generale o localizzato della retroilluminazione, ovvero a fronte di una immagine scura si riduce comunque la retroilluminazione ma in una immagine ad alti contrasti non sarebbe comunque utilizzabile.

  • Mario I/O

    A parte che il consumo aumenta in modo esponenziale all’aumentare della luminosità e sfido chiunque ad usare uno smartphone a 100 nits. Già a 300 nits il consumo quasi quintuplica. E il quintuplo di qualcosa è peggio del triplo di zero, ma poi perché non usare il valore migliore se si può scegliere?

    • Pininpela

      per avere un minimo di piacevolezza dell’interfaccia, di evidenziazione di alcune aree per contrasto, tanto utili per l’usabilità.
      Altrimenti tanto verrebbe ritornare agli schemi lcd a due colori: sfondo verde e grafica nera

  • Scarface11

    Ma che senso ha il test a 100 nits?? 😅😅 Almeno l’avessero fatto ad una luminosità più sensata… L’ideale sarebbe farlo in varie fasce, certo. Ma 100 nits come test in sé in ogni caso non ha alcun senso e rischia di portare fuori strada la logica generale del risparmio con il nero puro.