Il tool di Cellebrite ora può avere accesso a qualsiasi iPhone e iPad, per la gioia delle forze dell’ordine

Edoardo Carlo Ceretti Molto meno contenta sarà Apple, che da sempre prova ad inibire questo tipo di strumenti.

Cellebrite – azienda israeliana che si occupa di scienza digitale forense – ha annunciato un’importante novità per il suo strumento UFED Premium, ovvero la sua capacità di accedere ai dati di qualsiasi iPhone e iPad, anche quelli aggiornati alla versione 12.3 di iOS.

UFED Premium è un tool particolarmente apprezzato dalle forze dell’ordine di tutto il mondo, perché consente di sbloccare e reperire informazioni di cruciale importanza nell’alveo delle indagini per i più svariati casi, ma si tratta anche di uno strumento potenzialmente lesivo della privacy delle persone, qualora cadesse nelle mani sbagliate e fosse impiegato per scopi più loschi.

LEGGI ANCHE: iOS 13 vi farà sapere se un’app starà tracciando la vostra posizione

Si tratta infatti di un software on-premises, ovvero che viene acquistato dalle forze di polizia e poi eseguito direttamente in locale. Ciò lo rende potenzialmente alla portata di un pubblico più ampio, tanto che nei mesi scorsi software simili circolavano liberamente su eBay, venduti a prezzi attorno ai 100$. Dal canto suo, Apple è da sempre al lavoro per bloccare software di questo genere e iOS 13 dovrà compiere un ulteriore passo in questa direzione.

Via: 9to5 MacFonte: Cellebrite