Le app per iOS funzionano anche su macOS con Apple Catalyst

Emanuele Cisotti

Non era un progetto segreto: l’arrivo della app iOS su macOS era già stato annunciato un anno fa all’evento per sviluppatori del 2018. Ma è durante il WWDC 2019 che l’arrivo delle app mobile su desktop è diventato più concreto. Il progetto (conosciuto fino da oggi come Marzipan) è quello di Apple Catalyst. Questo darà la possibilità, a partire da oggi, di portare le applicazioni già sviluppate per iOS (o sarebbe meglio dire per iPadOS) su macOS.

Questo sarà possibile con uno sforzo minimo e darà la possibilità di allargare a dismisura il numero di applicazioni disponibili nel Mac App Store e rendere ancora più fruibili tantissimi servizi spesso pensati solo per dispositivi touchscreen. Sul palco del WWDC 2019 si è parlato del porting di una delle app di Atlassian, così come si è parlato del ritorno di Twitter con la sua app e anche di gaming con Asphalt 9 di Gameloft.

Gli sviluppatori avranno tutta l’estate per “giocare” con Catalyst ed essere così pronti in autunno per l’arrivo di macOS Catalina. Questo attesissimo annuncio è una delle novità più grandi dell’evento per gli sviluppatori di Apple e dona nuova vita sia al mondo tablet che a quello desktop/notebook, che potranno così godere di un parco app impressionante, colpendo Microsoft e il suo store desktop scarno e poco attrattivo.

Foto TechCrunch