Le presunte cover degli iPhone 2019 svelano un curioso nuovo dettaglio (foto e video)

Edoardo Carlo Ceretti Oltre a confermare nuovamente la bizzarra forma del modulo fotografico posteriore.

Nei giorni scorsi, il collega Jeff Benjamin di 9to5 Mac ha ricevuto fra le mani un pacco proveniente dalla Cina, che conteneva nientemeno che una serie di cover che si presume calzeranno a pennello i nuovi iPhone 2019. Ovviamente non ha resistito a provarle sugli attuali iPhone, per vedere se ci fossero nuovi dettagli da svelare. Ed effettivamente qualcosa è emerso.

L’aspetto che salta subito all’occhio è senza dubbio l’apertura a forma di quadrato smussato che si trova in alto a sinistra della cover, destinata a lasciare spazio al vociferato e un po’ bizzarro modulo fotografico dei nuovi iPhone 2019. Le dimensioni del quadrato saranno le stesse su tutti e tre i nuovi smartphone, ma secondo i rumor soltanot iPhone XI e iPhone XI Max vanteranno 3 sensori fotografici, mentre iPhone XIR dovrebbe accontentarsi soltanto di 2.

LEGGI ANCHE: Il nostro canale Telegram dedicato alle migliori offerte tech

Per quanto riguarda il confronto dimensionale fra gli iPhone attuali e quelli futuri, non ci saranno differenze di sorta e anche la disposizione di altoparlanti e porta Lightning non subirà modifiche. Una piccola novità potrebbe invece riguardare i tasti fisici di iPhone XI e XI Max, ovvero Power, bilanciere del volume e switch per la suoneria: a giudicare da queste cover, Apple avrebbe abbassato di qualche millimetro la posizione dei tasti, forse per renderli più facilmente raggiungibili nell’utilizzo ad una mano. Nessuna novità in tal senso invece, per iPhone XIR.

Ovviamente non sappiamo se queste cover siano davvero basate su fonti trapelate direttamente da Apple o dai suoi fornitori ufficiali – e dunque fedeli del progetto finale – oppure no, dunque non possiamo prendere come oro colato questi dettagli. Tuttavia rimane un dettaglio curioso, che ci racconta della cura maniacale che Apple assicura nella fase di progettazione e realizzazione dei suoi dispositivi.

Fonte: 9to5 Mac