Le pubblicità di WhatsApp rimarranno confinate agli stati, per ora (foto)

Enrico Paccusse

Sebbene lo scorso anno ve ne avessimo parlato per il primo trimestre del 2019, a quanto pare il lancio delle pubblicità all’interno di WhatsApp è stato ritardato, perché almeno qui da noi non se ne vede ancora traccia (secondo la foto qui sotto, potrebbe volerci fino al 2020).

Arrivano però ulteriori conferme sulla modalità con cui saremo sottoposti alle inserzioni nell’applicazione di messaggistica più famosa del mondo. Fortunatamente, e anche comprensibilmente, queste pubblicità saranno inizialmente limitate agli stati, similmente a quanto già succede con le storie di Instagram.

LEGGI ANCHE: La nostra anteprima di Honor 20 Pro

L’ulteriore novità che emerge dalla foto in questione è l’integrazione futura di WhatsApp come pulsante call-to-action nelle inserzioni di Facebook e Instagram. Un modo smart per permettere agli utenti di contattare i servizi a cui sono interessati senza lasciare l’ecosistema che fa capo a Zuckerberg, in attesa di un futuro in cui quel messaggio potremo mandarlo direttamente da Facebook, come paventato ultimamente.

Via: SmartdroidFonte: Twitter
  • Mariux Revolutions

    AdGuard Premium e passa la paura

    • Alex193a

      No, le pubblicità negli Stati non possono essere bloccate con nessun AdBlocker.