iPad Pro potrebbe rimanere senza 5G fino ad almeno il 2021

Enrico Paccusse - Secondo le parole dell'analista Apple Ming-Chi Kuo il 5G arriverà prima su iPhone e poi su iPad

Apple è dovuta scendere a patti con Qualcomm, pur di garantirsi un buon partner per il 5G dopo l’uscita di scena, un po’ a sorpresa, di Intel. È chiaro che questo nuovo standard di connettività rappresenti per molti produttori di smartphone un must da sfoggiare nei prossimi top di gamma.

Questo discorso non è altrettanto vero per i tablet, su cui Apple domina da tempo. Secondo quanto detto da un’analista che segue da tempo le vicende della società di Cupertino, Apple confermerà le due versioni da 11 e 12,9 pollici per i suoi iPad Pro, ma non passerà direttamente al 5G, a favore di una più lenta transizione.

LEGGI ANCHE: A fine anno potrebbero arrivare altri due modelli di AirPods

Secondo le indiscrezioni, verrà implementato un particolare componente, chiamato LCP soft board, che ridurrà la percentuale di segnale perso e contribuirà a migliorare le performance generali della connettività, con un potenziale raddoppio delle prestazioni – una sorta di LTE avanzato.

Il banco di prova per Apple sarà l’iPhone del 2020 (non l’iPhone XI di cui stiamo parlando in questi giorni), dove dovrebbe essere integrato per la prima volta il chip 5G prodotto da Qualcomm. Comprensibilmente, l’azienda si sta focalizzando sul prodotto che più di tutti fa affidamento alla linea mobile. Nel frattempo però, gli utenti iPad dovrebbero comunque passarsela bene, con una connettività che dovrebbe essere sensibilmente migliorata.

Via: VenturebeatFonte: Economic Daily News