Intel lascia la corsa al 5G negli smartphone, ed Apple torna magicamente d’accordo con Qualcomm

Enrico Paccusse

Arriva una notizia piuttosto inaspettata nel mondo del 5G: Intel ha comunicato ufficialmente la sua decisione di non produrre chip modem per il 5G negli smartphone di nuova generazione (continuerà comunque a lavorare per il 5G negli altri dispositivi, come PC e IoT). Parafrasando le parole del CEO Bob Swan, è diventato evidente che non c’è una strada chiara per raggiungere la sostenibilità economica del prodotto.

Questa decisione ha generato alcune conseguenze che potremmo definire quantomeno divertenti. Vi ricordate di quando Apple aveva “lasciato a piediQualcomm? A quello era seguito un processo giudiziario estenuante che aveva coinvolto le due società, fino a ieri. Già, perché proprio ieri, in una curiosa concomitanza di eventi, Apple ha firmato un accordo con Qualcomm per lasciare cadere tutte le accuse, pagando una somma di denaro sconosciuta.

LEGGI ANCHE: Le novità del prossimo Snapdragon 865

Ma non è tutto, perché Apple ora ha bisogno di un chipmaker per il 5G, e già che c’erano hanno pensato bene di firmare un accordo di licenza di ben 6 anni che potrà essere esteso in futuro per altri 2, così da poter integrare nel loro prossimo iPhone la connettività di nuova generazione offerta da Qualcomm. Mondo curioso quello del business, non è vero?

Via: TheVerge