Se dobbiamo scegliere un’app ormai andiamo sul sicuro, non proviamo nulla di nuovo

Matteo Bottin Le statistiche dell'App Store parlano chiaro: l'età media delle Top 30 app si attesta attorno ai 5 anni

Ormai le grandi app stanno monopolizzando il mercato. Che si parli di WhatsApp, Instagram, Facebook, Google Maps o di qualunque altra app, trovare una valida alternativa è difficile. O, forse, siamo noi che ormai siamo abituati ad usare sempre le stesse app.

Le statistiche dell’App Store parlano chiaro: innanzitutto, il numero di download settimanali necessari per entrare nella Top 30 è praticamente rimasto immutato dal 2014 al 2019: 230.000 download sono più che sufficienti.

Inoltre, e forse questo è il dato più importante, l’età media delle app nella Top 30 è cambiata radicalmente: se nel 2014 l’età media era di 625 giorni (circa due anni), ora questo valore sale a ben 1.853 giorni, ovvero circa 5 anni.

Il Google Play Store mostra lo stesso trend: l’età media nel 2014 era di 18 mesi, ora si avvicina ai 4 anni. L’unica eccezione riguarda i giochi: l’85% della Top 30 delle app di questa categoria hanno meno di due anni, segno che, probabilmente, ci stanchiamo presto.

LEGGI ANCHE: I vostri aggiornamenti degli Stati WhatsApp potrebbero trasformarsi in…Storie di Facebook

Questo significa che, ormai, puntiamo sempre alle stesse applicazioni, senza provare qualcosa di nuovo. Che sia passata la “voglia” di provare cose nuove? O che sia difficile trovare qualcosa di altrettanto valido?

Via: 9to5Mac