Il nuovo iPad mini è il protagonista del test di resistenza più bizzarro di sempre (video)

Edoardo Carlo Ceretti

Da quasi 10 anni, iPad è diventato sinonimo di tablet, per la sua capacità di rilanciare una tipologia di dispositivi che sembrava poco più di un esercizio stile e per la sua proverbiale qualità costruttiva ed efficacia nello svolgere pochi ma importanti compiti, per lo più multimediali. Nel corso di questi lunghi anni, in tanti hanno provato a rubare i segreti di Apple, ma nessuno è mai riuscito a replicarne il successo. Giunti nel 2019, il gigante di Cupertino ha deciso di lanciare nuovi eredi della sua prestigiosa dinastia, fra cui il piccolo iPad mini 5. Dopo il clamoroso fiasco dell’ultimo iPad Pro, poteva il buon Zack esimersi da testare la resistenza del piccolo tablet con la mela?

Vi ricorderete infatti di come il nuovo sottilissimo iPad Pro si fosse pressoché sbriciolato nel corso del bend test di JerryRigEverything, dunque c’è grande curiosità nel capire se si sia trattato di un caso isolato, dovuto al design estremo di quel modello, oppure se tutti i tablet in commercio abbiano qualcosa da temere.

LEGGI ANCHE: Il test di resistenza di Microsoft Surface Pro 6

I test dedicati alla resistenza ai graffi del display e della scocca metallica scorrono via senza intoppi, dimostrando come Apple abbia mantenuto alti i suoi standard qualitativi nel corso del tempo. Anche durante la prova del fuoco, iPad mini 2019 non mostra alcuna incertezza, con i pixel del display che si spengono dopo qualche secondo di sollecitazione alla fiamma dell’accendino, salvo poi riaccendersi una volta raffreddatisi. E infine ad attenderci c’è proprio il bend test, con un esito inatteso e alquanto bizzarro.

Sotto la pressione del nerboruto Zack, iPad mini 5 si piega paurosamente, lasciando presagire una triste sorte per il piccolo tablet. Inaspettatamente però, nonostante la preoccupante e innaturale curvatura, il display continua a funzionare e a rispondere ai tocchi, permettendo di fatto ad iPad mini di superare il test di resistenza. E ora chi lo dice a Samsung e agli investimenti milionari per perfezionare i display OLED flessibili, che Apple ha tra le mani il primo display LCD flessibile al mondo?