Il 4G ha 36 falle di sicurezza più o meno gravi, dicono i ricercatori

Giuseppe Tripodi

I ricercatori della società di sicurezza sudcoreana KAIST hanno trovato 36 falle di sicurezza, più o meno gravi, che attualmente affliggono le connessioni 4G. Queste vulnerabilità possono essere sfruttate per diversi tipi di attacchi: si va da fastidi temporanei e non troppo pericolosi (disconnessioni dalla rete) e minacce molto più gravi, come furto dei dati scambiati tra il dispositivo e la rete LTE.

I ricercatori hanno utilizzato un tool chiamato LTEFuzz, che invia grandi quantità di pacchetti random per testare eventuali anomalie nella rete.

Il tram di KAIST ha annunciato di aver scoperto queste vulnerabilità, ma non ha le ha ancora rivelate: presenterà i problemi durante una conferenza a maggio, alla quale parteciperanno operatori e produttori di reti (ma la conferenza non sarà aperta al pubblico, per ovvie ragioni).