Col mercato smartphone in stallo, anche le fabbriche rallentano

Col mercato smartphone in stallo, anche le fabbriche rallentano
Giuseppe Tripodi
Giuseppe Tripodi

Nell'ultimo anno abbiamo ripetuto più volte di come il mercato smartphone sia in stallo: per anni sono stati venduti sempre più dispositivi mobili ma, complice la saturazione del mercato e altri fattori, il 2018 è stato un anno di stagnazione nelle vendite. Per questo motivo, non stupisce che anche la catena produttiva abbia rallentato: secondo quanto riportato da IDC, nell'ultimo trimestre del 2018 i volumi di assemblaggio sono diminuiti del 6,2%, rispetto allo stesso periodo dell'anno precedente.

Considerando che le fabbriche che assemblano i dispositivi rallenteranno, è probabile che per il primo trimestre del 2019 i produttori di componenti non ricevano ordini: la situazione, comunque, inizierà una lenta ripresa già da metà anno, anche se il trend non si invertirà del tutto.

In ogni caso, a proposito di fabbriche, è interessante dare un'occhiata ai nomi del settore negli ultimi anni: nonostante ai primi due posti rimangano sempre Samsung e Foxconn, vale la pena notare che OPPO e VIVO (che nel 2015 non erano neanche in classifica), adesso occupino una posizione sempre più importante.

Fonte: IDC

Commenta