Nintendo sta pensando di farsi uno smartphone tutto suo, con blackjack e squillo di lusso

Edoardo Carlo Ceretti -

Alla luce degli sviluppi degli ultimi anni, possiamo dire che il mobile gaming stia vivendo la sua età dell’oro, divenuto ormai un business con cifre da capogiro, grazie a titoli sempre più convincenti ed apprezzati da un pubblico ormai vastissimo, nuovi generi in grado di catalizzare l’attenzione anche di chi videogiocatore non lo è mai stato e persino gaming phone creati ad hoc per esaltare l’esperienza videoludica mobile. Fra i tanti attori in campo, Nintendo è stata quella che più di tutti ha colto il momento ideale per lanciarsi nella mischia, giocandosi il jolly del successo planetario con Pokémon GO. Ma ora sta per transitare un altro treno e la grande N potrebbe coglierlo al volo.

Nel recente passato, la regina indiscussa delle console portatili ha più volte considerato l’opportunità di lanciare uno smartphone a marchio Nintendo, decidendo ogni volta di rinunciare, per l’assenza di piattaforme hardware all’altezza e di un proprio parco titoli mobile. Come ben sappiamo, quest’ultima lacuna è stata da tempo colmata dalla casa nipponica e anche le potenzialità hardware sono ormai mature. E dunque, alcune recenti indiscrezioni, Nintendo starebbe pensando seriamente di lanciare uno smartphone tutto suo.

LEGGI ANCHE: ASUS ROG Phone, la recensione

Conoscendo la grande N, non si tratterebbe di un gaming phone in grado di cannibalizzare Switch, ma piuttosto di un dispositivo complementare, in grado di accostarsi alla console ibrida e di comunicare con lei, senza rubarle bacino di utenza. Non un vero top di gamma dunque, ma più probabilmente uno smartphone di fascia media, magari ad un prezzo accessibile, in grado di svolgere prettamente un compito: far girare alla perfezione i videogiochi mobile Nintendo senza essere messo alle corde. Voi come lo immaginate un Nintendo-phone? E soprattutto, lo comprereste?

Via: Phone ArenaFonte: DigiTimes
  • Matteo Zerbi

    geniale il titolo!!

    • Edoardo Carlo

      Credit: @Lorexae:disqus

      • Timothy

        Direi anche per il Nexus 5 con skin Dbrand. xD

  • Simone Garofalo

    Non capisco il titolo, ma dipende da come sarà questo ipotetico smartphone…

    • È una citazione a Bender di Futurama. Cerca su YouTube “Bender Blackjack e squillo di lusso”.

  • ale

    non sono d’accordo sull’età dell’oro gaming mobile anzi… c’è una decadenza terribile… escono pochi giochi veramente validi, più che altro si cerca di emulare (illudere) le console con giochi di massa o PPW, i prezzi in media sono aumentati da 2 a 4 euro (e stanno andando verso i 6)… toccando anche picchi da 12 per le sh più blasonate…. ma sembra un mercato morto in realta… basta aprire tutte le settimane su google play e vedere i giochi nuovi.. non ce ne sono.. a volte tra i più giocati ci sono le slot machine… il che è tutto dire.. mi spiace ma avete toppoato l’articolo…

    • Ehm, no, hai toppato commento. Sulla qualità dei giochi possiamo anche discuterci, e ti do ragione su quasi tutta la linea, ma è un mercato tutt’altro che morto. Leggiti a breve il report di App Annie che stiamo per pubblicare, il mobile gaming da solo fattura più di tutto il mercato videoludico PC/Console. E Nintendo non è scema, vuole approfittarne.

      • ale

        ora me lo leggo son curioso.. si beh cmq fuorviante.. io intendo proprio morto come uscite e giochi di qualità… non c’è mai nulla, solo spazzatura.. per dirti che io gioco a dragon ball legend tutti i gg consapevolmente.. ma anni fa uscivano molti più titoli “validi”.. anche solo un piante contro zombi, uno scribblenauts.. ora non mi vengono in mente, ma così a spanne forse l’ultima uscita decente è reign GOT.. e saran passati 3 mesi !.. cmq ora vado all articolo che dici 😉

  • kogan92

    A meno che non si tratti della nintendo switch mini, a cui hanno aggiunto la
    funzione telefonica e che può diventare una console, usando i joycon tradizionali o comprando un case con controlli a cui attaccarla

  • Pocce90

    Prima di tutto: grande citazione! Ora posso che l’ho detto posso leggere l’articolo..