Boom di pagamenti mobile: un milione di italiani paga con lo smartphone

Giuseppe Tripodi Ben un terzo dei pagamenti da smartphone passa per Satispay.

Nonostante gli italiani siano storicamente restii ad abbandonare i contanti, nel 2018 si è verificato un vero e proprio boom di pagamenti mobili: +650% rispetto all’anno precedente, con un milione di persone che pagano con lo smartphone. La spesa media è di 500€ all’anno, per un totale di 650 milioni di euro pagati da mobile. Vale la pena precisare che il 2018 è l’anno in cui sono arrivati in Italia Google Pay e Samsung Pay, il che avrà  contribuito sensibilmente ai pagamenti via smartphone.

I dati, condivisi in anteprima da La Repubblica, vengono dall’Osservatorio Mobile Payment & Commerce del Politecnico di Milano, che stima una crescita costante, fino ad arrivare a 10 miliardi di euro entro un paio d’anni.

Un altro dato molto interessante è che più di un terzo dei pagamenti con lo smartphone sono stati effettuati con Satispay, app italiana lanciata nel 2013. Su 15,6 milioni di transizioni, 5,5 milioni di pagamenti vengono da Satispay, per un totale di oltre 100 milioni di euro. A proposito dell’app, i pagamenti in negozio rappresentano il 60% del volume totale: grazie alla possibilità di pagare ricariche telefoniche, bollettini postali e altro, nel 2018 sono passati da Satispay 154 milioni di euro.

Anche i pagamenti con carta e digitali crescono, seppur molto più lentamente rispetto ai pagamenti con smartphone: lo scorso anno, queste transazioni hanno riguardato un totale di 240 miliardi di euro, in crescita del 9% rispetto al 2017. Le transazioni sono state 4,2 miliardi (+16%), con uno scontrino medio di 57€, in calo del 6% sull’anno precedente. Da notare che il calo della spesa media è un fattore positivo: vuol dire che la carta viene utilizzata più spesso, anche per acquisti di articoli non troppo costosi.

LEGGI ANCHE: C’è ancora qualcuno nel mondo che non usa uno smartphone, anche in Europa

Dei 240 miliardi totali, 80 miliardi di euro sono stti pagati con New Digital Payment, ossia tramite smartphone, via e-commerce, e-payment e carte di creidto contactless. Secondo l’Osservatorio, questo è un dato destinato a crescere, che arriverà a 125 miliardi entro il 2021..

Infine, vale la pena dare un’occhiata agli acquisti legati alla mobilità: nel 2018 gli italiani hanno speso 90 milioni di euro in bike sharing e car sharing (+49%), 35 milioni in parcheggi (+29%), 15 milioni in biglietti di bus e metro (+11%) e 40 milioni per taxi (+100%).