Mercato dei tablet in declino? Non in Italia: +47% ad ottobre 2018, con Huawei sugli scudi

Edoardo Carlo Ceretti Apple invece perde spinta, ma si conferma regina del settore.

Dopo il grande boom successivo al lancio del primo iPad, il mercato dei tablet ha sofferto un lungo ed inesorabile declino, certificato nuovamente dai dati Context per il terzo trimestre del 2018, che mostrano un calo delle vendite dell’8,6% a livello globale. Concentrandoci però sul Vecchio Continente, in particolare in Italia, la situazione appare ben diversa.

Ad ottobre infatti, il mercato dei tablet ha fatto registrare nel Bel Paese un eccellente +47,7%, guidando la riscossa europea di un segmento di dispositivi spesso accusati di scarsa utilità. Come spesso accade ultimamente, a giovare di questa impennata è stata soprattutto Huawei, che può festeggiare la conquista del secondo posto a danno di Samsung (comunque in crescita del 23%), grazie ad uno straordinario +221% di unità spedite.

LEGGI ANCHE: Recensione iPad Pro 12.9 (2018)

Meno rosea è la situazione di Apple, che rimane la regina incontrastata del mercato, ma che cresce soltanto del 4%. Ancora peggio va a Cupertino se si torna con lo sguardo alla situazione globale: il primo posto rimane saldo, ma il segno rispetto all’anno passato è negativo (-6%). Non va meglio però a Samsung (seconda in classifica), che nel mercato internazionale cede l’11%, ad Amazon (terza) con un -0,4% e a Lenovo (quinta) che perde addirittura il 24,5%. Sorride soltanto Huawei, che si conquista il terzo posto e cresce del 7%.

Via: CorCom
  • Ciaoiphone4

    Apple in teoria ha una crescita inferiore a livello globale (senza guardare quindi i singoli mercati) perché gli iPad Pro 2018 sono usciti a ottobre-novembre, mentre l’anno scorso erano già fuori da giugno, quindi maggior disponibilità, e soprattutto trovabili a prezzi inferiori.

  • L0RE15

    Io il tablet lo trovo un ottimo strumento. Purtroppo non sostituisce (almeno per il mio uso) il notebook tantomeno il telefono ma non è assolutamente un “terzo incomodo”, anzi, è forse lo strumento che uso di più (e ne ho ben tre).