Apple brevetta delle AirPods intercambiabili e piene di sensori (foto)

Matteo Bottin

Le AirPods di Apple, con la loro forma “rigida” possono non essere l’ideale per tutti i tipi di orecchie: nel caso una non dovesse stare saldamente al suo posto si rischierebbe di perderla o di dover andare in giro con una sola cuffietta delle due. La soluzione? Cuffiette intercambiabili!

Un nuovo brevetto depositato da Apple parla proprio di questo: le cuffiette potrebbero diventare “universali” (e anche simmetriche, senza distinzione tra destra e sinistra), e il suono adattato in base all’orecchio nel quale verrebbero poste.

Per fare questo, ogni auricolare sarebbe dotato di alcuni sensori in grado di rilevare in quale orecchio sono state inserite (destro o sinistro) e di adattare l’invio del suono in base ad eventuali coperture dovute alla conformazione del canale uditivo. In pratica un sensore andrebbe ad appoggiarsi lungo il padiglione auricolare (in galleria la spiegazione) e in base al risultato della rilevazione si capirebbe di quale orecchio si tratta.

Ma questi sensori non servirebbero solo a questo: il brevetto parla anche di rilevazione della temperatura corporea (ecco, è finita l’era dei trucchetti con il termometro per saltare scuola! ndr), battito cardiaco e altri parametri di salute.

LEGGI ANCHE: TicPods Free, la recensione

Si tratta ovviamente solo di un brevetto, dunque potrebbero passare anni prima di una reale applicazione (sempre che arrivi). D’altronde pare che un nuovo design sia in arrivo solamente nel 2020, e dunque questa aggiunta potrebbe arrivare solo allora. Può aver senso una soluzione del genere?

Via: The VergeFonte: Ufficio Brevetti