Come il 4G ha cambiato il mondo: in 33 paesi è più veloce delle reti WiFi

Giuseppe Tripodi -

Sono passati poco più di 10 anni dalla presentazione del primo iPhone, che diede inizio alla “rivoluzione” mobile: nel 2007 la massima velocità di connessione era il 2G (o EDGE, se preferite), nella maggior parte del mondo praticamente non esistevano offerte telefoniche che includessero un bundle di dati e nessuno avrebbe mai pensato che le connessioni da cellulare sarebbero state più veloci delle reti domestiche.

Eppure, è andata proprio così: secondo l’ultimo report di OpenSignal, infatti, ad oggi in 33 paesi del mondo gli smartphone navigano più velocemente da rete dati rispetto a quando sono collegati ad una WiFi. Il report si basa su oltre 63 miliardi di misurazioni, eseguite dal 5 agosto al 3 novembre su oltre 7 milioni di dispositivi unici.

Nell’elenco dei 33 paesi in cui le performance da mobile sono migliori troviamo stati di ogni parte del mondo, più o meno ricchi, il ché ci suggerisce che siano state principalmente le condizioni di mercato a orientare lo sviluppo delle reti mobili o quelle domestiche. Tra i tanti, abbiamo Australia, Qatar, Grecia, Repubblica Ceca, Iran, Turchia, Croazia, Egitto, Austria, Francia, Slovacchia, Taiwan, Messico e molti altri.

Come si può evincere a colpo d’occhio dal grafico qui sopra, in alcuni stati la differenza di velocità è davvero altissima: in Australia, ad esempio, in media le reti mobili sono più veloci di 13 Mbps rispetto alle connessioni WiFi; in Grecia il divario è di 10,6 Mbps mentre in Francia lo stacco è di 2,5 Mbps.

LEGGI ANCHE: I giovani italiani hanno un rapporto morboso con lo smartphone?

Al contrario, i paesi in cui le connessioni WiFi hanno dato risultati migliori del mobile sono quelli in cui le connessioni domestiche si sono sviluppate maggiormente: in particolare, i tre stati in cui le misurazioni da WiFI sono risultate nettamente più veloci di quelle da rete mobile sono Hong Kong, Singapore e Stati Uniti.

Anche l’Italia appartiene a questo secondo gruppo in cui il WiFi ha dato mediamente performance migliori, ma la differenza è poco rilevante: 17,4 Mbps vs 19,9 Mbps. E a proposito del nostro Bel Paese, per saperne di più sullo stato delle reti mobili in Italia vi rimandiamo all’ultimo report che confronta la velocità e la latenza dei 5 principali brand sul territorio: Wind, Tre, TIM, Vodafone e Iliad.

Per saperne di più su tutte le differenze tra WiFi e rete dati nel mondo, invece, vi suggeriamo di dare un’occhiata al report completo di OpenSignal.

  • LucaMW

    Mah secondo me questa ricerca lascia il tempo che trova…. Innanzitutto il 4g non è arrivato subito per tutti, all’inizio gli operatori chiedevano un costo maggiore. Io personalmente con i 21/4Mbit/s del 3G mi trovavo benissimo.

    Poi comunque hanno sempre dato i GB con il contagocce fino a pochi mesi fa.. Con l’avvento di Illiad si sono svegliati un po…. Ma restano sempre pochi. Va bene per fare piccoli lavori o caricare in poco tempo grossi file, ma sempre file senza superare i GB mensili.

    Le connessioni qui chiamate “WiFi” quindi deduco quelle fisse senza fare distinzione tra le varie tipologie e senza sapere se il router e il telefono hanno i 5Ghz, se l’utente è collegato tranne chissà quanti “ripetitori WiFi” ecc…

    Comunque sono dell’idea che per quanto una connessione sia veloce se non è FLAT non è paragonabile… Faccio il classico esempio è come avere una ferrari con 5-10 litri di benzina al mese…

    • Francesco

      Continuano a darli anche adesso col contagocce, guarda Vodafone che propone ancora offerte con 2Gb al mese