Secondo Kuo sarà un inizio di 2019 meno memorabile del previsto per Apple e la colpa sarà di iPhone XR

Edoardo Carlo Ceretti Il celebre analista ha tagliato le stime sulle spedizioni del più economico dei nuovi iPhone.

La storia si ripete. A cavallo tra la fine del 2017 e l’inizio del 2018, gli analisti diedero vita ad un’altalena di stime sulle spedizioni del rivoluzionario iPhone X, a volte parlandone in modo entusiastico, altre volte dipingendone un futuro a tinte fosche. E anche questa volta, dopo aver prospettato un’annata trionfale per Apple, è tempo del primo contrordine.

A parlare è Ming-Chi Kuo, il più celebre analista degli affari che riguardano il colosso di Cupertino, che non più tardi di un mese fa aveva tessuto le lodi di iPhone XR, il più economico della lineup 2018 di Apple. Ora però, sembra che il suo futuro sarà meno roseo di quanto ipotizzato in precedenza, con le spedizioni totali del dispositivo (nel suo ciclo vitale che, indicativamente, terminerà a settembre 2019) ribassate da 100 a 70 milioni di unità.

LEGGI ANCHE: Gli iPhone del 2019 avranno nuove antenne, dice Kuo

Le cause di queste stime al ribasso vanno ricercate in parte nell’accoglienza tiepida riservata dagli utenti ad iPhone XR, da molti giudicato non all’altezza per colpa del singolo sensore fotografico posteriore e delle ampie cornici attorno al display, in parte nella serrata competizione sia di Huawei Mate 20 Pro (specialmente in Oriente), sia degli iPhone XS e XS Max, che non costano troppo di più rispetto all’XR, ma che offrono molto di più in termini di qualità generale.

Ciò ha dunque consentito a Kuo di mantenere invariate le stime sulle spedizioni dei nuovi iPhone per il primo trimestre del 2019 (circa 80 milioni di unità), anche se non ci sarà quel cambio di passo rispetto all’anno precedente, come immaginato qualche mese fa. Anzi, Kuo parla di una leggera flessione rispetto al 2018 (si parla al massimo di 5 milioni di unità in meno). Come sempre però, fra il numero di unità spedite e gli incassi reali, c’è tutta la differenza del mondo: il costo medio degli iPhone è infatti in continua ascesa, dunque non stupitevi se, per quanto riguarda i ricavi, Apple farà registrare nuovi record rispetto all’anno passato.

Via: 9to5 Mac