L’ultima beta di iOS 12 dimostra come iPhone XR non senta affatto la mancanza del 3D Touch

Edoardo Carlo Ceretti Da ora è possibile anche visualizzare un'anteprima delle notifiche semplicemente con una pressione prolungata, come accadeva da tempo su alcuni iPad.

Tutti gli iPhone usciti negli ultimi 3 anni vantano una funzione chiamata 3D Touch, che sfrutta un particolare accorgimento hardware integrato nel display per carpire i diversi livelli di pressione. Tutti tranne iPhone XR, il più economico della lineup 2018, ma comunque dotato di una piattaforma hardware che scende a pochi compromessi. Che Apple stia facendo le prove per abbandonare il 3D Touch da tutti i suoi dispositivi nel prossimo futuro?

In effetti si tratta di una funzionalità che ha faticato a prendere piede, tanto che pochissimi produttori di smartphone Android hanno deciso di copiarla (e poi ben presto l’hanno abbandonata). Quasi nessuno ha considerato la sua assenza come un difetto per iPhone XR, che ha potuto farne a meno grazie alla più semplice (ma ugualmente efficace) alternativa della pressione prolungata. L’unica lacuna riguardava la possibilità di espandere le notifiche, ma ci ha pensato iOS 12.1.1 beta 2 a colmarla.

LEGGI ANCHE: Recensione iPhone XR

Da ora infatti, sarà sufficiente una pressione prolungata su una notifica per godere di un’anteprima del suo contenuto, ottenendo dunque lo stesso identico risultato rispetto all’utilizzo del 3D Touch sugli altri iPhone. Un accorgimento già presente da tempo sugli iPad privi di tale tecnologia e che Apple evidentemente si era dimenticata di introdurre per il suo iPhone XR. Immaginiamo che non ci vorrà molto perché la novità arrivi anche sul ramo stabile di iOS.

Via: 9to5 Mac
  • Crash Nebula

    Beh quasi nessuno di quelli che NON l’ha comprato ha considerato la sua assenza come un difetto. Ma passando da un iPhone 8 ad XR ho sentito la sua assenza eccome, tanto che l’ho restituito proprio per questo. Per chi lo usa da generazioni ormai è impossibile abbandonarlo e non è assolutamente sostituibile dalla pressione prolungata. E per inciso, ce l’hanno tutti gli iPhone da 4 anni a questa parte, XS compresi

    • Matt

      Il fatto che da iPhone 7 si abbia il Force Touch non significa che la tecnologia sia ampiamente digerita sia dagli utenti sia in termini di “user friendly experience”. Imprimere differenti forze su un vetro che ancora oggi non è considerato un carro-armato è un gap che psicologicamente non è facile da superare. Un buon progetto deve sempre considerare questi aspetti. La considerazione sull’utilizzo consueto fatto da alcuni di alcune funzioni è importante ma non giustifica un prosieguo in quella direzione (progettuale). Senza contare gli aspetti tecnico-economici che vanno ulteriormente a “complicare” un progetto quale è iPhone. Il design è molto più di che mera “figaggine”. «Less is more».

      • Crash Nebula

        Ti devo contraddire. Less is more non sempre. Se per fare una determinata azione col 3D Touch devo fare un solo movimento immediato, trovo scomodo che sia rimpiazzato da più movimenti o uno meno immediato. Ti faccio un esempio: se per rispondere rapidamente ad una notifica mi basta imprimere una certa pressione sulla notifica è molto più immediato fare così che scorrere sulla notifica, premere visualizza e poi scrivere, oppure premere sulla notifica attendere due secondi perché il telefono capisca che sto attuando una pressione prolungata e poi rispondere. Il 3D Touch è una comodità immensa, che la gente compri un telefono da mille euro e non sappia nemmeno usarlo a pieno non è una giustificazione per la quale il 3D Touch sia inutile. E comunque il 3D Touch c’è da iPhone 6S