Il nome “Galaxy Watch” potrebbe costare caro a Samsung, almeno in Corea del Sud

Vezio Ceniccola

Una delle novità principali del nuovo Galaxy Watch è il nome stesso, che richiama la nota serie di smartphone Samsung e si allontana dalla precedente gamma “Gear“. Tale denominazione, però, sembra aver messo nei guai l’azienda coreana, visto che non si tratta della prima volta che si vede in giro.

Secondo le informazioni riportate da LetsGoDigital e Phone Arena, la società coreana Orient Bio Inc. sarebbe già sul piede di guerra, a causa di alcuni brevetti che Samsung avrebbe violato. Il cuore della faccenda è relativo proprio alle parole “Galaxy Watch“: Orient ha comunicato che ha registrato il nome “Galaxy” già nel 1984, chiedendo anche la registrazione di “Galaxy AI Watch” e “Galaxy Smart Watch” nelle ultime settimane.

Essendo un’azienda di produzione di orologi, Orient è molto interessata a non farsi sfuggire il nome “Galaxy Watch“, dunque potrebbe aprire un lungo contenzioso con Samsung per riprendersi la proprietà del marchio.

LEGGI ANCHE: Samsung Galaxy Watch, la recensione

La vicenda, comunque, è ancora molto confusa e non sappiamo molto altro al momento. Il rischio principale che Samsung corre è quello di un blocco delle vendite per Galaxy Watch in Corea del Sud, ma è abbastanza difficile si arrivi a tanto. Con più probabilità, le due aziende cercheranno un accordo per sistemare pacificamente la situazione, dunque ne sapremo di più nei prossimi mesi.

Via: LetsGoDigital, Phone ArenaFonte: Korea IT Times
Samsung Galaxy Watch (42mm)

Samsung Galaxy Watch (42mm)

confronta modello