Ecco i nuovi iPad Pro: sblocco con Face ID ma senza notch, e con USB-C! (foto)

Giuseppe Tripodi - I primi dispositivi mobili della mela con USB-C sono perfetti per lavorare anche su monitor esterni

Dall’evento di New York, Apple ha appena svelato i nuovi iPad Pro: oggi più che mai la società della mela ha voluto puntare sulla natura professionale di questi tablet, presentati come uno strumento perfetto per tutti i creativi e i professionisti.

I nuovi iPad Pro hanno display da 11″ e 12,9″, che sembrano ancora più grandi per i bordi ridotti al minimo: dopo quasi dieci anni di design sostanzialmente invariato, con questi iPad Pro Apple ha rivoluzionato l’aspetto dei suoi tablet, eliminando il tasto Home e di conseguenza anche il Touch ID. Il nuovo sistema di autenticazione che prende il posto delle impronte digitali è ovviamente il Face ID ma, a differenza di iPhone XS e iPhone XR, in questo caso non c’è alcun notch (e lo sblocco funziona anche in orizzontale).  La TrueDepth camera necessaria per questo sistema di sblocco è stata nascosta nelle cornici del tablet, sufficientemente spesse per ospitare il sistema di fotocamere che su iPhone ha dovuto ritagliarsi una parte di schermo.

Oltre questo, i nuovi iPad Pro montano il nuovo chip Apple A12X Bionic, con CPU octa-core realizzate con processo costruttivo a 7 nanometri, affiancata da un GPU 7-core e dal Neural Engine per l’intelligenza artificiale. Apple promette performance in multicore fino al 90% migliori rispetto alla precedente generazione di iPad Pro.

Questi nuovi tablet della mela hanno quattro speaker frontali, ma sono sprovvisti di jack audio.

Ma forse la più importante novità dei nuovi iPad Pro è la presenza del connettore USB-C: per la prima volta in assoluto, Apple ha deciso di abbandonare un connettore proprietario per i propri dispositivi mobili (dock 30 pin prima, Lightning poi) per adottare uno standard condiviso, che evidentemente rappresenta il futuro. La società di Cupertino aveva già portato l’USB-C sui nuovi Macbook, ma questo connettore porta con sé un’enorme novità per gli iPad: la possibilità di lavorare facilmente su schermi esterni.

Grazie alla versatilità dell’USB Type-C, infatti, è facilissimo collegare accessori esterni (come ad esempio fotocamere) ed eseguire il mirroring su un monitor esterno, e questo migliorerà l’uso di iPad Pro in ambito profesisonale. Inoltre, la porta USB-C permette di ricaricare gli iPhone (con apposito connettore USB-C – Lightning).

Durante l’evento, inoltre, Apple ha annunciato che sui nuovi iPad Pro sarà possibile utilizzare Photoshop (in versione completa), che ovviamente è stato progettato per essere utilizzato al meglio con la Pencil.

Caratteristiche tecniche

  • Display: 11″ / 12,9″ LCD Liquid Retina a 264 ppi con tecnologia ProMotion e True Tone
  • CPU: A12X Bionic (octa-core con processo costruttivo a 7 nanometri) con
  • Memoria interna: 64 GB / 256 GB / 512GB / 1 TB
  • Fotocamera: 12 megapixel con True Tone flash, registrazione 4K a 60 fps
  • Audio: 4 speaker frontali, niente jack audio
  • Spessore: 5,9 mm
  • Batteria: fino a 10 ore di autonomia
  • Connettività: LTE, eSIM, Bluetooth 5.0
  • Connettore: USB-C

Accessori: Apple Pencil e Smart Keyboard

Ovviamente una parte importante di iPad Pro è costituita dagli accessori che permettono di interagire con il tablet in maniera professionale: Apple Pencil e Smart Keyboard.

Apple Pencil è stata completamente riprogettata: si ricarica wireless collegandosi magneticamente al lato di iPad Pro. In questo modo, la società di Cupertino ha risolto in un solo colpo due delle principali lamentele della Pencil: la ricarica via Ligthning alla porta di iPad Pro e l’impossibilità di portarla dietro insieme all’iPad senza dover acquistare una cover esterna.

Inoltre, con la nuova Penicl permette di cambiare strumento (da matita a gomma, ad esempio) con un doppio tap al lato. La nuova Apple Pencil non è compatibile con i precedenti modelli di iPad Pro.

Ovviamente non manca anche una nuova tastiera-cover Smart Keyboard: anche questa, proprio come la Pencil, si collega magneticamente ad iPad Pro.

Uscita e prezzo

I nuovi iPad Pro sono in vendita da oggi, 30 ottobre, con spedizioni e disponibilità nei negozi a partire dal 7 novembre. Di seguito i prezzi di tutte le versioni:

iPad Pro 11″

  • 64 GB: 899€ solo WiFi | 1.069€ cellular
  • 256 GB: 1.069 solo WiFi | 1.239€ cellular
  • 512 GB: 1.289 solo WiFi | 1.459€ cellular
  • 1 TB: 1.729 solo WiFi | 1.899€ cellular

iPad Pro 12,9″

  • 64 GB: 1.119€ solo WiFi | 1.289€ cellular
  • 256 GB: 1.289 solo WiFi | 1.459€ cellular
  • 512 GB: 1.509 solo WiFI | 1.679€ cellular
  • 1 TB: 1.949 solo WiFi | 2.119€ cellular

Video

Foto

  • Dwarven Defender

    Aspetto qualche prova e poi pensiono il mio buon vecchio air

  • Andrea

    ma che bella scelta geniale di riprendere il design di un iphone 5…
    per non parlare del passagio a USB C, ma perchè non microUSB gia che ci siamo?
    una bella fotocamera sporgente rende tutto piu omogeneo in un prodotto che rappresenta sempre piu l’immagine del declino di un azienda ormai priva di inventiva e dei principi che l’ha caratterizzata per anni.
    sono sempre piu deluso dalle continue decisioni distruttive degli ultimi anni.
    eliminato anche il jack 3,5, lo stesso eliminato dagli iphone per avere l’omologazione IP, e poi vanno a mettere un USB C al posto del Lightning, connettore ultra affidabile oltre che bello da vedere.

    Apple negli anni ci ha abituato ad avere prodotti esclusivi, invidiati e copiati dai concorrenti, e ora…. ora ha smesso di inventare, ora si adegua… USB C….. ma ci rendiamo conto? il prossimo passo quale sarà? un iphone android?

    • Andrea Ganzi

      le scelte di design non accontenteranno mai tutti…per esempio a me le linee stondate delle generazioni dall’iphone 6 in poi non mi sono mai piaciute e questo ritorno allo squadrato lo apprezzo….la type c è la porta attualmente più evoluta che esista quindi non la puoi criticare e anzi….se ti vai a leggere le recensioni del vecchio ipad pro tra i contro spiccava sempre l’assenza della type c proprio perchè per un prodotto che tenta di sostituirsi ad un laptop avere solo una porta proprietaria era un grosso limite. Secondo te perchè i mac non hanno porte lightning?
      Sul fatto che apple ha smesso di innovare ti do ragione in parte….la verità è che soprattutto lato smartphone nessuno, apple inclusa, sa più cosa inventarsi e le differenze tra un modello e l’altro ormai sono più legate alla fotocamera e/o al software….

      • Andrea

        Hai ragione, i gusti sono gusti. Però a parer mio le linee precedenti erano molto ma molto piu eleganti e raffinate, adesso sembra un tablet in omaggio con i punti dell’esselunga.. la fotocamera sporgente poi è una cosa che proprio non mi va giu, con l’iphone 7 almeno avevano provato a mascherarla con una scocca “accompagnata” decisamente piu fluida oltre che protettiva.
        Questo cambiamento di standard Lightning a USBC senza ombra di dubbio farà contenti alcuni utenti, sono felicissimo per loro, personalmente però mi sono avvicinato al mondo Apple con il 4s, per un semplice motivo, la semplicità l’efficenza e l’esclusività.
        La semplicità sta piano piano scomparendo, il sistema è sempre piu pasticciato, prova a fare una videochiamata con FaceTime ora con iOS 12, e gira la fotocamera… dimmi a che cavolo serve avere in primo piano un bottone per mettere frecce e stelline e poi per girare la fotocamera bisogna andare in un sotto menu… lo stesso settantente che prima facevo tutto con immediatezza ora non lo riuscirà piu a fare, perchè il sistema è sempre piu sporco di stupidate.
        Per quanto riguarda l’efficenza… passo piu tempo al telefono con l’assistenza che con la mia famiglia tra un po… ad ogni aggiornamento c’è sempre qualche cosa che non va, ricordiamoci che tutti questi giocattoli non sono solo giocattoli ma anche strumenti da lavoro, e per chi lavora è un danno perdere tempo per funzioni rimosse da un giorno all’altro..
        Concludo dicendo che per me il divario che c’era qualche anno fa tra Apple e i competitor non è piu cosi marcato, come dici tu, ormai le differenze si stanno riducendo a fotocamera e software. Credo che invece di buttare fuori 4 telefoni alla volta dovrebbero fermarsi e farne uno solo alla volta ma ben fatto, senza trascurare il software.

        • Andrea Ganzi

          non posso darti un riscontro per la maggior parte delle cose che hai detto solo perchè l’X è stato il mio primo iphone e quindi non so quanto fossero più semplici ed efficienti le precedenti versioni di ios….però posso dirti che prima dell’X avevo il samsung s7 edge e a livello di comodità d’uso, velocità e stabilità del sistema per l’uso che faccio io del telefono non ho riscontrato grosse differenze…anzi molte feature del samsung assenti sull’iphone sono molto comode e vorrei non averle perse….poi è ovvio che l’X è più potente, migliore batteria, fa foto migliori etc….però sinceramente sono rimasto molto deluso da ios…in ogni caso il mio discorso sulla type c era soprattutto rivolto all’ipad pro….ok l’esclusività però se rivolgi un prodotto ai professionisti (perchè ipad pro non è un ipad per tutti) non puoi privarlo di una feature fondamentale come la type c…