iPhone XR alle prese con il test più doloroso: quanto è resistente l’iPhone più colorato di sempre? (video)

Edoardo Carlo Ceretti

In queste ultime settimane, il mercato degli smartphone è stato inondato di nuovi importanti modelli, con ancora due cartucce degne di nota da sparare (OnePlus 6T e Honor Magic 2). Ne è conseguito un super lavoro per Zack, del canale YouTube JerryRigEverything, il quale tuttavia non si è affatto tirato indietro. Dopo Pixel 3 XL e Razer Phone 2, quest’oggi tocca ad iPhone XR finire sul suo tavolo delle torture. Saprà cavarsela l’economico della gamma iPhone 2018?

Pur attirandosi le antipatie di Zack, a causa del display a bassa risoluzione, iPhone XR non subisce alcun trattamento di sfavore: la prima fase del test consiste come sempre nella prova di resistenza ai graffi, superata nel medesimo modo di tutti gli altri smartphone usciti negli ultimi anni. Nota di merito per la cornice metallica del dispositivo, che si dimostra subito solida e ben rifinita, senza sbavature da segnalare.

LEGGI ANCHE: iPhone XR, il nostro unboxing (e confronto dimensioni XS / XS Max)

Il retro di iPhone XR è ricoperto di vetro, mentre la lente della fotocamera dovrebbe essere protetta da un vetro zaffiro, secondo quanto affermato da Apple. Per l’ennesima volta però, Zack rileva una propensione ai graffi assolutamente identica a quella del vetro anteriore e posteriore, dunque sembra trattarsi di poco più di una trovata di marketing.

La prova del fuoco dimostra come i pixel dello schermo si spengano dopo circa 10 secondi di esposizione al calore della fiamma dell’accendino di Zack, salvo poi riprendersi subito dopo senza lasciare segni indelebili. Infine, la prova più attesa, ossia il bend test: nonostante si tratti di un iPhone meno costoso rispetto a XS e XS Max, Apple non ha di certo risparmiato nella cura della costruzione, che risulta solida e robusta.