Non cliccate quel link! Scovata una nuova falla che manda in tilt iPhone e iPad (ma non solo) (video)

Roberto Artigiani - Il problema sembra riguardare anche altri sistemi non solo da mobile

I link che mandano in crash iPhone e iPad riavviandoli sono ormai diventati una specie di moda e quasi non fanno più notizia. Dopo il famigerato carattere indiano, l’ultima notizia in questo senso è apparsa su Twitter dopo essere stata postata su GitHubGist. Si tratta di un link che se cliccato farà impazzire il vostro dispositivo con iOS. Il bug riguarda il modo in cui il sistema interpreta certi effetti in background ed è stato introdotto a partire da iOS 7 ed è presente anche in iOS 12.

Se non vi interessa la spiegazione più tecnica potete saltare direttamente al prossimo paragrafo. Essenzialmente il link rimanda a una manciata di linee CSS per l’applicazione di un effetto sfocato a ogni elemento DIV sulla pagina, solo che nell’HTML di accompagnamento ci sono moltissimi DIV. Il calcolo necessario manda in overload il WebKit render e il sistema va in kernel panic, crashando e riavviandosi subito dopo.

LEGGI ANCHE: Honor Magic 2 avrà cornici minime da record

Se proprio volete provare l’effetto potete visitare questa pagina, dove è riportato anche il codice sorgente del bug, e cliccare sul secondo link dall’alto (quello che finisce per “safari-ripper.html”). Vi consigliamo di evitare, se decide di proseguire fatelo a vostro rischio e pericolo. Dai commenti presenti su GiutHubGist sembrerebbe che il bug riguardi anche altri sistemi, non solo da mobile, ma anche da desktop, per cui vi invitiamo alla cautela.

Bisogna evidenziare che il rischio di diffusione è piuttosto basso, a differenza di altri bug che provocano effetti simili, per mandare il crash in sistema bisogna visitare un link specifico. Nella peggiore delle ipotesi potrebbe essere incorporato come testo HTML nel corpo di un’email, in questo caso entrerebbe in azione solo all’apertura dell’email. Ad ogni modo siamo sicuri che presto arriverà una fix per risolvere la questione. Vi lasciamo un paio di video che mostrano l’effetto del bug.

Via: 9 To 5 MacFonte: GitHubGist